5 marzo 2009

LETTERA A UN KAMIKAZE, di KHALED FOUAD ALLAM.


voce narrante: Giuseppe Battiston, musiche dei Radiodervish





















"LETTERA A UN KAMIKAZE". Sono le cinque del mattino, ti alzi, fai le tue abluzioni rituali, hai gia recitato la preghiera dei morti, tra poco reciterai la preghiera dell’alba; fuori il mattino sorge, ma è la notte che si stenderà sul mondo. Prendi il tuo ultimo bicchiere di tè, sei solo con te stesso; hai ripetuto mille volte i gesti della tua missione, mentalmente conosci i mille passi che devi compiere e ti senti investito di potenza. Sono le cinque del mattino a Gerusalemme, le quattro a Roma e a Parigi, le ventidue a New York. Esci di casa, ti senti leggero, libero più che mai, perché da questo momento tutti i tuoi gesti saranno irripetibili. Ti scrivo, mentre stai camminando con passo rapido, meccanicamente; fra poco consegnerai al mondo angoscia e orrore; certo, ti hanno detto che tutto questo lo farai in nome dell’Islam, sarai uno Shaid, un martire. Per lunghi mesi ti hanno insegnato fino a scolpirlo nella tua mente, che Dio sceglie chi deve restituirgli la vita che lui ha dato e che la sua grazia che attraversa la vita, si prolunga oltre la morte, resuscitando l’uomo in paradiso; ma questi maestri dell’orrore, non hanno fatto altro che rubarti la vita e trasformare il tuo corpo in uno strumento per i loro piani di distruzione. Credimi, sono stati abili nel convincerti a toglierti quel soffio di vita, quella sostanza con cui Dio ci ha mandati sulla terra; la morte non è mai una vittoria, quando trascina con se le ombre inquiete della nostra incapacità di capire. Quante volte mi sono chiesto come tutto ciò sia potuto accadere, quante volte mi sono chiesto se è perché il dolore del mondo è così grande, che la distruzione sembra rappresentare l’unica reazione possibile. E’ perché sono infelici che gli uomini sono così crudeli. Così ti scrivo; che tu sia di Cecenia, di Palestina, di Indonesia, di Irak, o di qualche paese d’Europa, o d’occidente; ti scrivo, perché forse per tutti noi musulmani, è venuto il tempo di confrontarci, di spezzare un lungo silenzio pieno di immani tragedie, di sofferenze, di dolore. Ma il mondo intorno a noi, ci chiede di testimoniare che la violenza non può essere lo strumento per risolvere i conflitti; che la pluralità delle fedi è la traduzione dell’unicità divina; perché Dio non può mostrarci la sua unicità, se non attraverso la molteplicità delle esistenze e delle testimonianze.
KHALED FOUAD ALLAM

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.