21 giugno 2009

Una ragazza a Teheran colpita a morte dalla polizia iraniana. - Neda Agha Soltan


Neda Agha Soltan



Nella capitale iraniana non si vedevano manifestazioni così imponenti dal 1979. Il regime è in crisi e la società iraniana è divisa. L’affluenza alle urne è stata altissima. E dal 12 giugno l’Iran non è più lo stesso. Gli iraniani hanno abbandonato il loro tradizionale cinismo e sono andati a votare in massa. Ora la loro protesta non può più essere ignorata. Prima delle elezioni presidenziali Ahmadinejad si era dimostrato disposto a confrontarsi con i suoi avversari. Ma dopo il 12 giugno qualcosa è cambiato.
"Considerando le vostre sconsiderate affermazioni, non potete piu' essere considerati
degli amici della nazione iraniana. Pertanto vi consiglio: correggete il vostro atteggiamento fatto di ingerenze", ha detto Ahmadinejad parlando a un consesso di chierici e insegnanti. Il riferimento e' alle critiche che numerosi paesi occidentali
hanno rivolto alle autorita' iraniane per lo svolgimento delle elezioni e il rifiuto di accogliere le richieste dell'opposizione.
A Teheran, dopo la giornata di ieri, contrassegnata da manifestazioni e violenze con un pesante bilancio di sangue..
(decine di morti secondo testimoni citati da vari blog).
Khatami accusa il regime
Attribuire le proteste di questi giorni in Iran "ad un complotto degli stranieri" e' "segno di una falsa politica". Lo ha detto oggi l'ex presidente riformista Mohammad Khatami in una dichiarazione riportata dall'agenzia Mehr.
Khatami ha sottolineato "il silenzio e la compostezza" delle manifestazioni a Teheran prima degli scontri di ieri, affermando che "il Paese e la rivoluzione appartengono al
popolo".
fonte: rainews24
..mi auguro che l'impegno civile e l'esempio di Neda possano servire a scuotere le coscenze delle ragazze e adolescenti italiane che sognano di partecipare al falso mondo della tv..

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.