23 agosto 2009

Quando le donne prendono il potere nella mafia



Le donne saranno o sono il futuro del crimine? Dai quartieri di Napoli a quelli di Lagos, dai cartelli messicani alle gang australiane, si impongono sempre di più in un universo considerato - erroneamente - maschile al 100%. Il fenomeno non è dovuto ad un effetto di moda, né al successo della serie televisiva Mafiosa (Canal+), dove una giovane bellezza corsa prende le redini del clan di famiglia. In America come in Europa, le mafiose fanno carriera.
Nemmeno la Sicilia è esente. Teresa Principato, magistrato specialista nella lotta contro la mafia, non ha smesso di ripetere negli ultimi dieci anni, che bisognava finirla con lo stereotipo della donna “vittima”, ridotta al ruolo di vedova sconsolata o amante sottomessa. “L’altra metà della Cupola”, come la definisce graziosamente, ha per lungo tempo goduto, da parte della giustizia italiana, di una certa indulgenza.
Alcune audaci, più istruite delle loro madri, hanno preso in carico si sono assunte delle responsabilità, che si tratti di racket, della gestione di beni immobiliari o di riciclaggio del denaro della droga. In questo ambito il caso di Giusy Vitale è ormai il punto di riferimento in Italia. Prima di diventare, nel febbraio del 2005, la più celebre pentita del Paese, questa siciliana che oggi ha 37 anni è stata infatti la prima “donna boss” di Cosa Nostra. Nel 1998, poi nel 2003, ha controllato con una fermezza da padrino la zona di Partinico, vicino a Palermo.
Quando “la Madrina” rimpiazza “il Padrino”…Altrove, gli esempi non mancano. In Calabria, le donne restano nell’ombra ma rivestono un ruolo decisivo. A Napoli, è frequente che l’arresto di un capo-clan porti la sua compagna o sua sorella a prendere il potere e, a volte, a non restituirlo più. Stessa cosa in Messico, dove i cartelli cadono a volte nelle mani di eleganti donne trasformate in star dai media…Questa evoluzione non sorprende i Colombiani, che ricordano una pioniera di questo fenomeno: la loro compatriota Griselda Blanco, alias “la Madrina”. Questa boss nata, il cui potere si poggiava su sesso, polvere bianca e biancheria intima molto costosa. In questo caso, ha regnato negli anni 70 sul traffico di cocaina a Miami. Sposata tre volte, tre volte vedova, detenuta negli Stati Uniti dal 1985 al 2004, oggi ha 64 anni e vive nascosta in Colombia.
Questa madrina ha avuto delle emuli nelle organizzazioni latinoamericane… l’ultima? Maria Gema Avilés, una nicaraguense considerata elemento chiave del traffico di droga in America centrale. Ricercata dalle forze dell’ordine della regione, tratta da pari con Juan Carlos Ramirez Loida, alias “Chupeta” (lecca-lecca, o succhiotto) uno dei capi del cartello colombiano di Norte del Valle.
Un’impresa, in quelle terre maschiliste. E la prova che il tempo delle mafiose è forse giunto…
fonte: lexpress
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.