1 settembre 2009

Rosario Crocetta, Beppe Lumia e Tano Grasso a Genova, ma dirigenti e amministratori PD disertano







Genova, 29 agosto 2009


Tre dei protagonisti della lotta alle mafie, quella fatta concretamente con denuncia ma anche prevenzione, vengono a Genova per ricordare Libero Grassi. Tre siciliani che amano la loro terra e vogliono che sia "libera". Tre uomini al centro del mirino di Cosa Nostra. Tre anime del cambiamento possibile, che non fanno sconti a nessuno e non accettano (e non tacciono) le collusioni e le storture morali e legali che anche nel centrosinistra e nel PD vi sono pesantemente...
Non solo. Proprio a Genova è radicata ed attiva da anni proprio quella mafia che ha condannato a morte Beppe Lumia e Rosario Crocetta, così come anche Giulio Cavalli e Tano Grasso. Sono a Genova le pesanti radici che hanno visto una pesantissima infiltrazione proprio in quel centro storico a pochi passi dalla sede del festival PD, così come nella Valpolcevera... Qui Cosa Nostra ha uomini di primo piano, alcuni beccati, altri che "furono" come l'Emmanuello, altri che continuano con le attività di riciclaggio, estorsione, infiltrazione negli appalti come anche nelle ramificazioni, contiguità e complicità nelle istituzioni pubbliche come anche nella cosiddetta "società civile". Ebbene davanti a questi dati accertati, anche con le ultime operazioni antimafia che hanno portato Genova, in questa estate, alla ribalta della cronaca nazionale, con tre uomini di primo piano della lotta alle mafie, non vi era nessun dirigente di partito genovese del PD o ligure al dibattito, non vi era nessun amministratore pubblico... non vi era "la" sindaco Marta Vincenzi o il Presidente della Provincia Alessandro Repetto... non vi era Claudio Burlando, presidente della Regione, che aveva in programma, proprio lì accanto un bel dibattito alternativo sull'associazionismo. Non vi erano le associazioni, i gruppi o il sindacato che tanto si riempono la bocca di "antimafia"... Assenti, come era assente, anche all'ultimo momento - così che non lo si potesse sostituire - il moderatore del dibattito che così è stato moderato da Beppe Lumia che ha dovuto, quindi, rinunciare al suo intervento.
fonte: Casa della Legalità e della Cultura

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.