12 ottobre 2009

Antonio Tabucchi : "una dittatura mascherata da democrazia".!


parte 2

Intervista allo scrittore Antonio Tabucchi riguardo la manifestazione sulla libertà di stampa in Italia.
Il giornalista (straniero, di lingua spagnola) fa allo scrittore una domanda che si fanno tutti allestero: come è possibile che lItalia, che fino agli anni 70-80 era un punto di riferimento politico e sociale in Europa, sia caduta così in basso, trasformandosi un una vera e propria dittatura mascherata da democrazia di gran lunga peggiore della Russia di Putin.
Lo scrittore da tre ragioni principali e spiega al giornalista che ciò che verrà dopo, come sempre in questo sfortunato paese, non sarà deciso dagli elettori ma dai poteri occulti di sempre che dominano questo sfortunato paese da sempre.
Tabucchi é stato denunciato da Schifani (presidente del Senato) solo perché ha scritto un articolo nel quale ha detto una verità omessa dai media italiani asserviti a questa dittatura: che Antonio Schifani, prima di diventare presidente del Senato, é stato imprenditore e consulente di imprese poi giudicate dalla magistratura MAFIOSE. Ora Tabucchi vive "esiliato" in Francia in attesa di un processo nel quale Schifani ha chiesto allo scrittore 1.350.000 euro di risarcimento. Come ha affermato lo stesso Tabucchi, di fatto questa è una azione intimidatoria vale soprattutto per spaventare gli altri giornalisti che hanno meno importanza e spessore e cita Mao che diceva Ammazzarne uno per punirne 100.
È chiaro che quel che si ammazza quí è la libertà di stampa, morta da molto tempo in questo sfortunato paese.





fonte: pignetoroma1
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.