28 novembre 2009

Il Consiglio dei Ministri scioglie per mafia il consiglio comunale di Furnari, in provincia di Messina

processione religiosa a Furnari


27/11/2009
La decisione dopo l'ispezione ministeriale compiuta nei mesi scorsi nel centro tirrenico.
Il consiglio dei Ministri ha sciolto il consiglio comunale di Furnari. La notizia è rimbalzata in tarda mattinata ma era attesa da tempo dopo l’ispezione ministeriale che per cinque mesi ha passato al setaccio il Comune tirrenico. Gli ispettori avrebbero accertato forme di condizionamento della vita amministrativa da parte della criminalità organizzata e le conclusioni sono state consegnate, con un’ampia relazione, al prefetto Francesco Alecci. Subito dopo è stata inviata al ministro dell’Interno, Roberto Maroni che ha avanzato la proposta di scioglimento al Consiglio dei Ministri.
La commissione interforze di accesso agli atti amministrativi, presieduta dal viceprefetto, Antonino Contarino, si era insediata lo scorso 13 marzo.
Sotto la lente d’ingrandimento della commissione passarono tutti gli atti amministrativi riguardanti l’esecutivo, il consiglio comunale e la struttura burocratica.
L’ispezione scattò su iniziativa della Procura Distrettuale Antimafia di Messina a seguito delle risultanze delle intercettazioni eseguite nell’operazione “Vivaio”. Nell’inchiesta i Carabinieri arrestarono boss ed affiliati dei clan barcellonesi vicini a Cosa Nostra che imponevano il pizzo alle imprese, gestivano le discariche e condizionavano la vita pubblica di numerosi comuni grazie ad esponenti politici di fiducia. Nel corso dell’attività d’indagine sarebbero emerse irregolarità nell’attività amministrative del Comune di Furnari e nelle elezioni di maggio 2007. Il consiglio comunale di Furnari per 18 mesi sarà retto da tre commissari prefettizi.
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.