25 marzo 2010

Antimafia in Italia?


Scritto da Pietro De Luca

QUI tutto l'articolo tratto da 19luglio1992











E’ deprimente non trovare praticamente nessuno che venga con te in una manifestazione in ricordo di tutte le vittime di mafia.


"...Se sei indifferente al sopruso, all’ingiustizia, alla prevaricazione, al potere autoritario, alla mancanza di libertà, alla cultura della legge della forza e non della forza della legge, all’interesse del bene comune, perché pensi solo al tuo quotidiano, alla tua giornata, al tuo ritorno, non scenderai mai in piazza.
Ma se un paese non scende in piazza contro la mafia, non ha futuro, non ha vita, non ha speranza. Se l’Italia non è capace di dire “io, contro la mafia, ci sono”, se non è capace di fare nemmeno questo, se guarda dall’altra parte anche quando si parla di mafia, allora l’Italia è un paese davvero mediocre.
Un paese che poi, quando si sveglia, non ha alcun diritto di parlare, di lamentarsi, di soffrire. Non ha diritto di commuoversi di fronte ai morti dei disastri naturali in Sicilia, delle frane in Calabria, dei terremoti all’Aquila. Non ha diritto di esprimere solidarietà solo sull’onda emotiva di tragedie che sono conseguenza evidente di mal governo e di un potere marcio, egoista, abusivo, criminale, corrotto, colluso.
Un potere mafioso! Che ride ed esulta per i morti abruzzesi.
Se l’Italia si attiva solo il giorno dopo, il giorno della commozione, l’attimo del dolore, e mai nel quotidiano, nella vita che scorre, nell’attimo della civiltà e della morale, l’Italia diventa un paese complice. L’Italia è un paese morto dentro"..!
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.