24 marzo 2010

Matteo Messina Denaro


fonte video: giuliocavalli

Ritratto di un mafioso
di Benny Calasanzio

Il mafioso è prima di tutto un essere incapace. Inutile a se e agli altri. Non ha arte nè parte,
per questo è perennemente incazzato. Il mafioso è un incompetente cronico che non
potrebbe mai vincere un appalto se non fosse truccato, che farebbe fallire l'azienda più
florida se non riciclasse denaro. Il mafioso non tollera il successo degli imprenditori per
bene, lo umilia, non si capacita della sua bassezza, e allora prova a rovinare il gioco con la
prepotenza.
Il mafioso di cosa nostra, della camorra, della n'drangheta si può definire
scientificamente il nulla amalgamato col niente.
Il mafioso per esistere deve nutrirsi della
paura altrui; per questo usa armi e violenza, ma sempre in gruppo, mai da solo. E' un fallito
che per uccidere e rubare è costretto a sniffare, per trovare coraggio, per trovare quella
forza che non ha mai avuto e che mai avrà. Il mafioso per appagare il suo desiderio sessuale
paga le donnine, e le paga di più per sentirsi dire "mi fai morire". Il mafioso, notoriamente, ce
l'ha infinitamente piccolo e non ha traccia di testosterone, è l'impotente per antonomasia. Il
mafioso andrebbe aiutato perchè è inabile a qualsiasi tipo di attività, è impossibilitato a fare
qualsiasi cosa perchè non c'arriva. Il mafioso non va in bagno fino a quando si accorge di
essere bagnato, allora capisce, ma non sempre. Il mafioso è così sfigato che raggiunge il
massimo del potere quando scala un gerarchia di ebeti e diventa il loro capo. E' un bambino abituato a prendere sculacciate dal primo che passa e vuole vendicarsi. Il mafioso è un
codardo, un vigliacco per questioni genetiche. Non ha il coraggio di lottare, di competere; sa solo sparare, male e con gli occhi chiusi. Il mafioso, così pomposamente mafioso, ha una paura fottuta di una cella 4x4.

E' un patetico essere che ha paura della solitudine e quando lo arrestano manda i bacini al papà gridando "ti amo". Il mafioso gode quando riesce a far fallire gli altri in modo da sentirsi meno ultimo, inabile tra gli inabili. Il mafioso, con soldi non suoi
che mai riuscirebbe a guadagnare con le sue limitazioni psicofisiche, investe all'estero e si
crede imprenditore ma riesce a fallire anche lì. Senza prostituzione e droga il mafioso
sarebbe sempre in rosso. Se vuoi uccidere un mafioso non serve che gli spari; digli che ha
una mosca sulla tempia, si sparerà da solo. Il mafioso è così mentalmente svantaggiato che
cerca di assomigliare alle star di Hollywood, costruisce ville come quelle di Hollywood, ci si
chiude dentro e urla "Fottuti colombiani". Il mafioso è un grezzo e ha pessimi gusti. Usa i RayBan e veste di lusso ma dimentica di togliere il fango dalle scarpe. Il mafioso avrà sempre i
piedi "ncritati". Il mafioso è un caprone ignorante che per contare fino cinque ha bisogno di una pistola in mano. Il mafioso lo riconosci per strada perchè lo vedi che fondamentalmente
è un povero coglione. Il mafioso ti fissa e aspetta che tu abbassi lo sguardo. Se lo fai lui è
contento, e se ne frega se lo hai fatto solo per fissare una cacca sul marciapiede che
risultava molto più intrigante di lui.

Se incontrate un mafioso per strada, ridetegli in faccia!

Non si incazzerà, penserà di aver fatto una bella battuta anche se non ricorda di aver
parlato. Il mafioso non ha memoria, ma non serve ricordargli che è una merda. Lo fa il suo specchio tutte le mattine.
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.