24 aprile 2010

Scuola: “Un nuovo anno di lacrime e sangue”


Nell’anno scolastico 2010/11 a Messina saranno tagliati 415 docenti : 172 alla primaria, 62 alla secondaria di I grado e 181 alla secondaria di II grado

Il Coordinamento Precari Scuola della FLC CGIL si riunirà alle ore 17,30 presso il saloncino della Camera del lavoro. All’ordine del giorno l’allarme di questi lavoratori per il secondo anno di tagli alla scuola deliberato dalla finanziaria Tremonti che prevede un totale di 140mila posti in meno in tre anni. Dopo i 46mila dello scorso anno, il Ministro Gelmini prevede per una diminuzione di oltre 40mila posti: 25.558 per il personale docente e di 15.167, per il personale ATA.

“La nostra città – si legge in un comunicato del sindacato - è già stata privata di oltre 700 unità di personale nel 2009/10 e si prepara a perderne nel 2010/11 altre 415 di soli docenti (: 172 alla primaria, 62 alla secondaria di I grado e 181 alla secondaria di II grado) senza quantificare ancora la mannaia che si abbatterà sul personale ATA. Il riflesso sulla qualità della scuola è sotto gli occhi di tutti, basta considerare quante volte i ragazzi della secondaria entrano a scuola 1-2 ore dopo per mancanza di personale o a quante attività di gruppo svolte con due docenti hanno dovuto rinunciare gli alunni della scuola di base”.

“Purtroppo – continua il documento - chi pagherà il prezzo più alto di queste scelte scellerate saranno i precari che saranno licenziati in tronco da un datore di lavoro che per 10-15 anni ha sfruttato la loro professionalità per poi considerarli una zavorra”.

Graziamaria Pistorino, Segr. Gen. della Flc di Messina sottolinea: “Ancora una volta i numeri che snoccioliamo da Aprile in avanti si trasformeranno in lacrime e sangue, in volti e persone nelle torride giornate di Agosto. Stiamo lavorando a livello regionale e a livello provinciale per trovare sinergie che ci portino a contrastare questi tagli, ma oltre all’accordo, già in campo, con CISL, UIL, SNALS e GILDA UNAMS, questa città avrebbe bisogno che gli Enti locali., in particolare Provincia e Comune, assumessero la tutela del proprio territorio e non subissero inermi i tagli di un governo centrale che guarda solo a Nord. Che gli Assessori all’Istruzione, se ci sono, battano un colpo”
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.