16 maggio 2010

Alexander Borodin: il Musicista-Chirurgo



di Marina Pinto

La madre non era propensa a far proseguire il ragazzo nella strada della musica, la vita musicale nella Russia dell'Ottocento era così povera che un compositore non poteva vivere solo delle sue opere ma doveva cercarsi anche un altro lavoro, e quindi, a soli 17 anni, Alexander Borodin fu iscritto all'Accademia di medicina, dalla quale uscì diplomato dopo sei anni (ma egli proseguì lo stesso negli studi musicali da autodidatta).
La successiva svolta verso la musica Borodin la ebbe grazie all'incontro con Mussorgskij, che gli fece conoscere la musica di Schumann e di Glinka, e lo indusse a comporre una sinfonia, quella in mi bemolle maggiore.
Da quel momento la vita di Borodin trascorse tranquilla, fra la musica (suonava il flauto, il pianoforte, il violoncello e l'oboe), la chimica (era assistente alla facoltà di chimica presso l'Accademia militare di medicina) e la filantropia. Egli era infatti un animo quieto e sorridente, nella sua vita ebbe tempo e modo di far tutto, la carriera come medico in ospedale - tanto che divenne chirurgo - la composizione di bellissime opere, e frequenti viaggi, soprattutto in Germania, dove strinse amicizia con Liszt, dal quale ebbe preziosi incoraggiamenti.
Borodin (1835-1887) fu quindi scienziato e chirurgo, forse però l'amore per la musica era più forte rispetto a quello per la medicina, lo rivela un episodio che gli capitò in ospedale.
Sembra, infatti, che un giorno in cui stava lavorando egli avesse in mente un motivo musicale che ripeteva in continuazione, e che quindi teneva occupata la sua mente, quando gli si presentò un alto ufficiale cui era rimasto per traverso un osso di pollo. Mentre Borodin lo operava, con la musica sempre in testa, l'arnese che stava utilizzando si ruppe nella gola del paziente, ed il musicista-chirurgo ci mise un bel po' per liberarlo.

Borodin racconta: "L'uomo mi si gettò dinanzi in ginocchio, ed io durai fatica a non fare lo stesso. Pensate a cosa sarebbe successo se la pinza gli si fosse conficcata in gola! Sarei passato per la corte marziale e spedito di filato in Siberia…e poi, che ne sarebbe stato della mia musica?"

fonte: scienzaonline.com

"Solo la musica illumina e consola. Non è solo un fragile supporto a cui aggrapparsi. E' un'amica fidata che protegge e conforta e solo grazie ad essa vale la pena di vivere in questo mondo. Forse in cielo la musica non ci sarà. Perciò restiamo su questa terra finchè la vita ce lo consente."
(P.I. Caikovskij)
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.