3 luglio 2010

Baby Killer, Storia dei ragazzini d’onore di Gela


di Giuseppe Bascietto

In Sicilia, a Gela, c’è stato un tempo, tra gli anni ottanta e novanta, in cui i minorenni occuparono la scena con la formazione di una nuova organizzazione criminale: La Stidda. È quanto ci spiega Giuseppe Ardica nel suo ultimo libro Baby Killer, Storie di Ragazzi d’onore di Gela, nelle librerie dal 16 giugno e pubblicato dalla Marsilio Editore nella collana gli Specchi. Il libro originale e documentato, accende i riflettori sui ragazzini di Gela che, armi in pugno, hanno conquistato la città, e racconta storie di uomini che popolano la Sicilia di oggi. Il mondo raccontato in questo libro, scritto con il piglio della narrativa d’inchiesta, è fatto di stragi, bombe, morti ammazzati e puntuali riscossioni del pizzo. Giuseppe Ardica descrive con crudezza un mondo, dove uccidere è più attraente che vivere nella legalità, dove fare affari con la mafia è più conveniente che combatterla, dove ogni omicidio viene pianificato ed eseguito con precisione, dove raggiungere i trent’anni fuori dal carcere e senza aver ammazzato qualcuno è un fatto raro, insomma un mondo in cui, per un breve periodo di tempo, i criminali più temuti e rispettati sono stati ragazzini di appena quindici anni.

Emblematica la storia di Simone Iannì, soprannominato Occhiazzurri, che nel giorno del suo tredicesimo compleanno riceve dal padre una pistola. Per lui era giunto il momento di andare in giro per Gela a “scovare” e a “scannare” i suoi nemici. Pagina dopo pagina Baby Killer racconta, attraverso gli occhi dei bambini, la storia di una Città di frontiera, povera e progressista. Una città dove la tranquillità finisce nel 1987, quando cominciano i lavori per la costruzione della diga disueri e viene ammazzato il vecchio boss Pietro Rubulia(Francesco Madonia di Vallelunga). Il segnale è chiaro. C’erano nuovi affari da far partire, le estorsioni, l’usura, il traffico di droga e armi. A monopolizzare il mercato ci pensa il figlio di Rubulia(Piddu Madonia). Ma altri sono interessati agli appalti e ai traffici di droga e armi. Sono gli stiddari o clan dei pastori. I bambini. I picciriddi di Cavallo Pazzo(Giovanni Cavallo, capo dell’omonimo clan)che Giuseppe descrive con grande abilità tanto da coinvolgere il lettore e farlo soffrire con loro. Criminali comuni che combattono Cosa Nostra e che sono interessati anche a esercitare il controllo sugli appalti e sui sub-appalti. Insomma Baby Killer si staglia in un orizzonte industriale povero e feroce, dove i frutti sono i rifiuti tossici, i bambini che uccidono, i quartieri ghetto, i cadaveri trovati scheletri nelle campagne. Il libro rivela la filigrana drammatica della città di Gela, fatta di ricatti e pallottole, politica e occhi chiusi, dove una mafia parallela (la Stidda), minore ma feroce, attecchisce e si arricchisce, mentre la mafia passa di moda ed esce dal circo mediatico. Si racconta un pezzo di Sicilia dimenticata, laterale, invisibile. Senza le cupole palermitane, senza gli eroi dell’antimafia e i boss che hanno fatto la loro guerra allo Stato. Per capire la Sicilia bisogna passare anche di qua, per strade secondarie, città lontane, personaggi sconosciuti.

Giuseppe Ardica è un testimone, diretto e oculare, di un mondo che bisogna aver visto con gli occhi, per poterlo raccontare. Testimone appassionato, che conosce le difficoltà di vivere a testa alta in queste zone e sa quanto la neutralità sia impossibile e l’indifferenza complice, tanto più in queste terre, che conosce perché sono sue. Giuseppe con questo libro restituisce i profumi buoni e gli umori cattivi di una Sicilia che oggi vuole presentarsi diversa, senza la sua storia grande e terribile, che in ogni caso bisognerà pur ricordare e raccontare, se si vorrà capire che cosa è stato e che cosa, domani, qui potrà accadere.

fonte: accadeinitalia
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.