11 luglio 2010

Vanità di Vanità



"Corta e travagliata è la nostra vita; non c'è rimedio quando per l'uomo è giunta la fine, e dal sepolcro non è mai tornato nessuno. Perchè siamo figli del caso, e dopo saremo come se non fossimo stati, poichè il soffio vitale delle nostre narici è solo fumo, e le nostre parole, scintilla effimera nel moto del cuore. Spenta la quale il corpo diverrà cenere, e lo spirito si disperderà come aria sottile. E il nostro nome col tempo sarà dimenticato, e nessuno ricorderà più le nostre azioni, e la nostra vita passerà come la traccia di una nube e si dissolverà come nebbia inseguita dai raggi del sole, sopraffatta dal suo calore. Poichè il nostro tempo è come un'ombra che passa, e finito che sia non ricomincia; è stato posto il sigillo, nessuno ritorna.

Venite dunque, godiamo dei beni presenti. Usiamo presto di quello che esiste e della giovinezza. Riempiamo di vino squisito e profumi: che nessun fiore della primavera ci sfugga. Incoroniamoci di boccioli di rose, prima che appassiscano tutti. Nessuno di noi manchi alla nostra baldoria; lasciamo dovunque segni del nostro piacere, perchè è questa la nostra porzione e parte di eredità".

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.