12 settembre 2010

Busta con proiettili a giornalista


di Roberto Rossi*

Nel mirino delle 'ndrine Ferdinando Piccolo del Quotidiano della Calabria

“Oggi sono ancora più motivato, questi signori mi hanno dato una spinta in più a continuare nel mio lavoro”. Ferdinando Piccolo ha 23 anni. Scrive da San Luca per il Quotidiano della Calabria. Quando gli parliamo, ha appena trovato una busta con dentro cinque pallottole calibro 9 e un biglietto: “Stai attento a quello che scrivi o sarai un morto che cammina… con la ‘ndrangheta non si scherza”. Il biglietto era scritto a macchina. Abbandonato sotto la vetrina del negozio del padre, barbiere di Bovalino. Un negozio che Ferdinando frequenta spesso, dà un mano al padre, specialmente di Sabato con tutta la gente che c’è.
Ferdinando ha scritto di Polsi, ha seguito “l’ultimo retorico via vai di politici e amministratori pellegrini per un giorno al santuario – ci dice – tutti presenti a parole per strappare la madonnina alla ‘ndrangheta e restituirla ai calabresi onesti e devoti”. E proprio per non buttarla solo su Osso, Mastrosso e Carcagnosso, in quei giorni, il 4 settembre, la sua firma esce in calce a un articolo sulla strada che collega Polsi a San Luca. Una strada tutta rovinata, da sistemare, da almeno un ventennio. Scrive di un appalto di 12 milioni di euro vinto nel 96 da una ditta di Crotone che prende i soldi (fallisce) e scappa.

E del subappalto concesso a un’altra ditta, tutta sanluchese, il cui proprietario, un Nirta incensurato e imparentato, dice di non aver mai visto il becco di un quattrino. Siamo a quindici. Dall’inizio dell’anno. Quindici cronisti minacciati di morte dalla ‘ndrangheta in questo 2010. Solo ieri la notizia del furto di computer a Emiliano Morrone, coraggioso autore de “La società sparente”.

*autore insieme alla giornalista Roberta Mani di "Avamposto Calabria"
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.