30 settembre 2010

"Diffamò Parmaliana", condannato Cipriano

Bartolo Cipriano

Mercoledì 29 Settembre 2010

Il sindaco di Terme Vigliatore Bartolo Cipriano è stato condannato a pagare 20mila euro di risarcimento per il reato di ingiuria aggravata nei confronti di Adolfo Parmaliana, il docente universitario, ex segretario dei Ds di Terme Vigliatore morto suicida il 2 ottobre 2008. Cipriano, assolto dal giudice di pace, è stato adesso riconosciuto responsabile agli effetti civili di ingiuria aggravata. Il giudice monocratico di Barcellona Pozzo di Gotto, Maria Celi ha stabilito il pagamento di 20 mila euro, a titolo di risarcimento dei danni morali agli eredi del docente, la moglie Cettina Merlino e i figli, Basilio e Gilda. Questa vicenda giudiziaria iniziò nella primavera del 2002, nel corso delle elezioni amministrative di Terme Vigliatore; Cipriano appoggiava la candidatura a sindaco di Gennaro Niccolò e si contrapponeva alla lista che sosteneva proprio Parmaliana come candidato a sindaco. Il 22 maggio, durante un comizio, Bartolo Cipriano avrebbe pronunciato alcune frasi contro Parmaliana, riferendosi all'incarico di docente presso il Dipartimento di Chimica Industriale dell’Università di Messina, quanto alla gestione di fondi dell'ateneo. Il 20 novembre 2007, il giudice di pace di Barcellona Pozzo di Gotto, Maria Riili, aveva assolto Cipriano da ogni accusa; la sentenza fu appellata da Parmaliana prima e poi dai familiari, costituitisi parte civile con gli avvocati, Fabio Repici e Maria Rita Cicero. Oltre al pagamento di 20mila euro, il giudice monocratico ha condannato Cipriano a pagare anche 2.250,00 di spese del doppio grado del giudizio.
Fonte:amnotizie.it


Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.