6 ottobre 2010

Google, ultima frontiera: “Sappiamo già cosa penserete”

“Non abbiamo bisogno che digitiate qualcosa. Sappiamo dove siete. Sappiamo dove siete stati. Possiamo sapere più o meno cosa ne pensate”. Ecco dunque che Google, attraverso il suo AD Eric Schmidt, dichiara il suo climax al Washington Ideas Forum. Lo scopo supremo, insomma, è dirci cosa pensiamo prima ancora che lo pensiamo. O, meglio, di rifornirci di idee prima che ci venga in mente di partorirne di originali. L’ultimo ostacolo da rimuovere è quel residuo di pensiero autonomo che l’essere umano ancora conserva.

E' incredibile che si lascino guidare gli esseri umani, è stato un errore inventare le automobili prima dei computer, aveva dichiarato Schmidt a San Francisco qualche giorno prima. Sicuramente il suo sguardo andava ben oltre l’obsoleto ‘pilota automatico’: perché Google non è solo in grado di portarvi a destinazione, ma sa già dove volete andare.

Intendiamoci: Google ha degli ottimi ingegneri e i suoi prodotti sono insuperabili. Ma i suoi abusi e le dichiarazioni di Schmidt ne rivelano il lato oscuro, a cominciare dalla ormai celeberrima massima “se c’è qualcosa che non vorreste far sapere a nessuno, allora non dovreste farla in primo luogo”.
In Germania , lo scorso agosto Schmidt aveva dichiarato: Sappiamo dove siete e sappiamo cosa vi piace. Allora doveva recuperare la fiducia dei tedeschi dopo lo scandalo Street View, e Schmidt li rassicurò alquanto indelicatamente ricordando loro che Google non è la Gestapo né la Stasi.
Pochi giorni dopo, dichiarò al Wall Street Journal che per molti giovani abituati a postare in rete materiale imbarazzante sarà necessario, in futuro, cambiare identità. E aggiunse, a sgombrare qualsiasi equivoco sulle responsabilità di tutto ciò: “Non credo che la società capisca cosa succede quando ogni cosa è disponibile e registrata da chiunque e in ogni momento”. Peccato che nel frattempo, Google abbia ammesso che almeno due suoi ingegneri, godendo dell’accesso illimitato a tutti i dati dell’azienda, avevano pensato bene di usarli per diventare degli stalker.
A questo punto, possiamo aspettarci un futuro in cui non solo chiunque potrà essere compromesso, ma lo sarà per ciò che avrebbe potuto fare in base a un algoritmo di Google. Ma se davvero un algoritmo può prevedere il nostro pensiero e i nostri comportamenti, significa che agiamo e pensiamo come degli automi: in questo senso Google potrebbe dimostrare ciò che le tradizioni iniziatiche dicono da millenni: l’uomo, al suo stato ‘naturale’ è una macchina. Potrebbe essere un ulteriore stimolo, per chi vuole uscire dalla meccanicità, a pensare fuori dagli schemi. Be hacker.


Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.