7 ottobre 2010

La generazione Facebook



di Tonio Dell’Olio 6 ottobre 2010

Io la amo questa generazione-facebook timida e incerta. Precaria. Con l’arsura profonda di conoscere e incontrare e parlare in una maniera che nessuna fantascienza aveva previsto. Con uno schermo a uso di maschera e un nickname a mo di ombrello. Che si lascia adulare dalla pubblicità e coccolare dagli adulti. Perché non usa le parole che usavamo noi e le cifre di incanto dei sessantotti e dei settantotti e degli ottantotti… ma salta gli aggettivi e sincopa le frasi.

E non vuole sapere nemmeno che sono esistite altre epoche di giovani. Questa generazione che ci chiede come facevamo quando non c’erano i telefonini e non ci crede che una volta nei cinema si fumava. Io la amo perché non conosce più le distanze. La amo perché è inedita e non se ne rende conto. Non si lascia sorprendere più dal mondo perché ce l’ha già negli occhi. Ciò che non conosce sono le profondità che si nascondono nell’anima propria e degli altri. L’aria, il sole e un ago di pino. Questa generazione rivoluzionaria di una rivoluzione che non è la mia. Io la amo questa generazione perché ha ereditato nel sangue la forza di arrendersi alle emozioni e di comprendere ciò che è vero. E nonostante tutto vorrebbe lo stesso un mondo migliore di questo, quando qualcuno glielo racconta senza finzioni e senza interessi.

fonte: MOSAICO DEI GIORNI

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.