26 ottobre 2010

Rosario Piraino, l'agente "James" e la trattativa mafia-Stato












Dagli aperitivi all'intelligence la doppia vita dell' agente 'James'

Repubblica — 22 ottobre 2010 pagina 12 sezione: PALERMO, di Salvo Palazzolo

PER gli amici dell' aperitivo, all' Acanto Blu, è «James». Come James Bond, lo 007 più famoso del cinema. Rosario Piraino, che la Procura di Palermo accusa di essere il "capitano" della trattativa e il braccio destro dell' enigmatico signor Franco, non ha mai fatto mistero di essere un funzionario della Presidenza del Consiglio. Ovvero, un agente in forza al centro Aisi di Palermo. La nuova filosofia dei Servizi sembra essere ormai: «Riservatezza, ma niente più inutili misteri». Così, lo 007 accusato di essere il depositario di segreti pesantissimi fa apparentemente una vita normale e spesso va anche allo stadio. Ma non per fede rosanero: Piraino è il motore della complessa macchina della sicurezza attorno al Renzo Barbera. Lui, naturalmente, fa il lavoro riservato, cercando di anticipare le mosse degli ultrà violenti. Raccontano che più di una volta un' informazione arrivata al momento giusto da Piraino abbia consentito alla polizia di prevenire liti e scontri fra tifoserie. Raccontano pure che Piraino sia ritenuto uno dei migliori nel campo dell' intelligence sull' eversione e che abbia addirittura inventato un metodo ormai diventato un modello all' interno dei servizi segreti per prevenire gli episodi di violenza negli stadi. Oggi, Rosario Piraino, 53 anni, è forse l' agente meno segreto di tutti gli agenti segreti di Palermo. Nella città dei professionisti che contano è conosciuto anche come il marito di un volto notissimo della Regione Siciliana, Alessandra Russo, dirigente generale del dipartimento Lavoro, una lady di ferro stimata da destra a sinistra. L' avvocato di Rosario Piraino, Nino Caleca, era in Procura ieri mattina. «Possibile - dice - che il misterioso capitano vada a prendere l' aperitivo nel locale che si trova proprio di fronte casa di Massimo Ciancimino?». Accenna a un sorriso Caleca, fa segno che non può aggiungere altro. Tutte le dichiarazioni sono rinviate a mercoledì prossimo, quando Piraino verrà interrogato in Procura. «Risponderà e chiarirà tutto», taglia corto il legale. Questo è Rosario Piraino oggi. Ma negli anni passati chi era davvero? Massimo Ciancimino non ha avuto dubbi nel riconoscerlo: «È lui che mi ha intimato di non parlare della trattativa e dei rapporti di mio padre con Berlusconi, nel 2006, quando ero ai domiciliari, a Palermo. L' anno scorso, il capitano è venuto fino a Bologna per minacciarmi». Adesso, è accusato dai pm Nino Di Matteo e Paolo Guido di violenza privata, con l' aggravante di aver favorito Cosa nostra. Per quello che se ne sa, Piraino ha iniziato la sua carriera come ufficiale di complemento dei carabinieri. Sarebbe stato anche in servizio all' alto commissariato per la lotta alla mafia. Di certo, nel 1992 era capo dell' agenzia Sisde di Caltanissetta. Il suo nome è nell' agenda di Bruno Contrada, il numero tre dei Servizi che sta scontando una condanna a dieci anni per collusioni mafiose. Ecco l' appunto, alla data del 30 settembre, ore 10,30. «Caltanissetta, dal Procuratore della Repubblica Tinebra, col capo centro Pa (Ruggeri) e capo agenzia Cl (Piraino). Indagini stragi Pa». Quali sono queste indagini svolte da Bruno Contrada su Capaci e via d' Amelio? Ce n' è traccia nella sentenza sulla strage Borsellino, che oggi i magistrati della Procura di Caltanissetta stanno esaminando con cura, perché sarebbe stata frutto di un depistaggio. Contrada portò a Caltanissetta un dettagliato rapporto in cui si accreditava il pentito (oggi ritenuto falso) Vincenzo Scarantino come un mafioso dalle illustri parentele. Una vera patacca, hanno scoperto il procuratore Sergio Lari e i magistrati del suo pool. Quale ruolo ha avuto Rosario Piraino nella stesura di quel rapporto su Scarantino?È una delle tante domande che i magistrati si fanno sull' uomo che Massimo Ciancimino indica come il braccio destro del signor Franco, il regista della trattativa mafia-Stato. Intanto, le indagini sembrano ad una svolta anche a Caltanissetta. Nei giorni scorsi, Ciancimino junior ha confermato il riconoscimento di Lorenzo Narracci, l' agente segreto già chiamato in causa da Spatuzza come presente nel garage dove si caricava l' autobomba per via d' Amelio. Ciancimino sostiene di aver visto Narracci assieme al boss Gaetano Scotto, oggi all' ergastolo per la strage Borsellino. Il testimone colloca le due presenze nel bar di un albergo palermitano, dove suo padre e il signor Franco avevano appena finito un summit. - SALVO PALAZZOLO

Via da Palermo lo 007 indagato la Procura cerca nuovi riscontri

Repubblica — 23 ottobre 2010 pagina 9 sezione: PALERMO, di Salvo Palazzolo

Bruno Contrada
DOPO l'avviso di garanzia notificato dalla Procura, è scattato il trasferimento immediato da Palermo per Rosario Piraino, l'agente segreto accusato di essere il "capitano" della trattativa mafia-Stato e l'autore delle minacce a Massimo Ciancimino. Piraino è adesso in servizio a Roma. Intanto, prepara una lunga autodifesa: l'avvocato Nino Caleca ha già annunciato che il suo cliente intende rispondere alle contestazioni che gli verranno mosse dai sostituti Nino Di Matteo, Paolo Guido e dal procuratore aggiunto Antonio Ingroia. L'avviso di garanzia notificato dalla Dia prevede il reato di violenza privata, che sarebbe stato commesso nei confronti di Massimo Ciancimino. Il reato è aggravato dall'aver favorito l'organizzazione Cosa nostra, perché il "capitano" di cui ha parlato Ciancimino avrebbe intimato di tacere sulla trattativa mafia-Stato e anche sugli investimenti dei boss nelle aziende di Berlusconi. In attesa dell'interrogatorio, le indagini proseguono su Rosario Piraino. A Caltanissetta, dove nel 1992 lo 007 era capo agenzia dell'allora Sisde, lo ricordano ancora al palazzo di giustizia: era molto spesso presente alle udienze del processo Borsellino. Lui diceva, solo per incontrare alcuni amici magistrati. Di certo, il 30 settembre 1992 Piraino accompagnò Bruno Contrada (foto a lato) per consegnare un rapporto che accreditava il falso pentito Vincenzo Scarantino. Cosa faceva per davvero Piraino al palazzo di giustizia di Caltanissetta? È quello che adesso si chiedono i magistrati. Un'altra curiosa coincidenza, fra altre amicizie e gli ennesimi sospetti di depistaggi, è quella che colloca Rosario Piraino nell'agriturismo di Piana degli Albanesi di Giorgio Riolo, il cugino dell'omonimo maresciallo del Ros condannato per essere una talpa della mafia. Proprio di quell'agriturismo si occupò anche il processo "Talpe". Ad analizzare le utenze di chi chiamava fu il consulente della Procura, Gioacchino Genchi. Era anche Piraino a telefonare. Per prenotare un weekend, o per fare cosa? Lo stesso interrogativo si posero i pm dell'inchiesta Talpe per le telefonate di altri agenti segreti che frequentavano quell'agriturismo. -
SALVO PALAZZOLO
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.