26 novembre 2010

Giancarlo Elia Valori, Gianfranco Fini e molti, molti cortigiani in parrucca



di Miguel Martinez. Giovedì 25 Novembre 2010



(AGENPARL) Mercoledì 24 novembre, alle ore 15, presso la Sala del Mappamondo di Palazzo Montecitorio, verrà presentato il libro “Ben Gurion e la nascita dello Stato di Israele” di Giancarlo Elia Valori, prefazione di Shimon Peres. Interverrà il Presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini. Oltre all’autore, parteciperanno Gianni De Michelis, Lamberto Dini, Renzo Gattegna ,Alessandro Ruben.



L’evento sarà trasmesso in diretta sulla webtv della Camera dei deputati (http://webtv.camera.it).”
Si tratta in tutta evidenza di un libro che nessuno leggerà, su un argomento che non è di particolare interesse e scritto da una persona che ha molte capacità (un suo ammiratore parla del “fantastico Cavlier ELIA VALORI, Uomo sapiente” ) , ma non nel campo letterario.
Eppure viene presentato in una simile sede e alla presenza di tali personalità. Un evento tipicamente italiano, pieno di messaggi trasversali di non facile lettura.
Passa qualche ora, ed ecco che salta sul carro-Valori pure Nicola Zingaretti, che ci dicono sia “il più amato del centrosinistra” assieme a Nichi Vendola:
“Ore 15 – Il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti partecipa alla presentazione del libro di Giancarlo Elia Valori.
L’evento si svolge presso la Sala del Mappamondo di Palazzo Montecitorio.”
Giancarlo Elia Valori è un personaggio di cui abbiamo parlato a lungo sul nostro vecchio blog, raccontando l’incredibile e misteriosa carriera di questo signore che secondo il magistrato De Magistris sarebbe ai “vertici attuali” della nuova P2 , acceso sostenitore dei massacri di Gaza e ammiratore di Magdi Allam.
Lo scorso febbraio, Giancarlo Elia Valori aveva presentato un altro libro. Un articolo straordinariamente italico su Comunicare Italia ci dà tutta la misura di cosa significhi questo rituale.
Il titolo del libro di Giancarlo Elia Valori era Il futuro è già qui.
Lo scenario del rito era il Palazzo della Cancelleria a Roma.
Ecco gli officianti che hanno avuto diritto alla pubblicazione del proprio nome:
“Tra i numerosissimi intervenuti nella cornice della sala cinquecentesca di palazzo della Cancelleria il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, l’amministratore delegato di Telecom ItaliaFranco Bernabè, il presidente di Mediobanca, Cesare Geronzi, il finanziere Roman Zaleski, il presidente e proprietario del Gruppo Gmc-Adnkronos il Cavaliere del Lavoro Giuseppe Marra,monsignor Natalino Zagotto, direttore dell’Ufficio per la Vita Consacrata, Vicario Episcopale per la Vita Consacrata e Priore dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme – Sezione di Roma, il dottor Andrea Monorchio, già Ragioniere Generale dello Stato e presidente della Commissione del Controllo Autorità Lavori Pubblici, il dottor Piero Gnudi presidente dell’ENEL, il dottorAndrea Mondello presidente dell’Unioncamere Lazio, il dottor Luigi Giampaolino, presidente dell’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture, il generale Giorgio Piccirillo dell’Agenzia informazioni per la sicurezza interna (AISI, ex SISDE); Gaetano Gifuni già Segretario Generale del Senato della Repubblica Italiana; il dottor Giovanni Sapia, già direttore generale di INPDAI, I-Post e oggi presidente del Collegio Sindacale della Camera di Commercio di Roma.”
Siccome Giancarlo Elia Valori arriva a minacciare dei semplici blogger, e ha mezzi un po’ più efficaci dei nostri, diciamo che questo elenco non ci sembra affatto quello dei membri di una nuova P2, ma una normale congrega di appassionati lettori di libri.
Chi ha ricevuto le più poderose ventate di incenso dall’anonimo scriba dell’articolo di Comunicare Italia era però la direttrice stessa di Comunicare Italia. Annusate:
“Presente anche la dottoressa Viviana Normando, profonda assertrice della centralità dello Stato in rappresentanza dei due gioielli della Fondazione Paolo di Tarso, la Fondazione della Chiesa di Stato: il Gruppo Editoriale in rete Comunicare Italia.it, di cui è direttore responsabile, giovane Gruppo indipendente che ama lo Stato e Italia Excelsa.com, la prima piattaforma di bandiera del Turismo Italiano, a breve on line ed a cui stanno aderendo tantissimi operatori italiani. Progetti ideati da Fabio Gallo, supportati da consulenti di grande profilo etico e spirituale, ispirati da valori cattolici, che rievocano nei settori in cui operano – comunicazione, cultura e turismo – uno spiccato senso di ritorno allo Stato, una partecipazione ed una centralità della gente, delle aziende e delle famiglie a favore della forza reale dell’autonomia della cultura, per rappresentare e rinvigorire esclusivamente i valori e le tradizioni della nostra nazione, il Brand Italia e made in Italy in rete, e poterli tradurre in economia e lavoro. Temi più che pertinenti in una giornata che con la presentazione di un volume ha immortalato i saperi e le evoluzioni dello scenario nazionale ed internazionale alla presenza anche di chi ha saputo capovolgere il mondo del turismo e dell’economia.”
Viviana-normando
Viviana Normando veste Cavalli

Poi parlano male dei Borbone.
P.S. Potete anche leggere un curioso commento su Giancarlo Elia Valori e i suoi amici, a firma di Gioele Magaldi del Grande Oriente Democratico.
PP.SS. Proprio mentre Gianfranco Fini, Nicola Zingaretti e Giancarlo Elia Valori si dedicavano alle loro attività bibliofile, l’esercito israeliano radeva al suolo il villaggio di Abu al-Ajaj, nei territori palestinesi occupati.


fonte:
kelebeklerblog.com
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.