28 dicembre 2010

'Ganzer per fare carriera si accordava coi narcotrafficanti'

Arrivate le motivazioni della sentenza con cui i giudici di Milano hanno condannato il generale Giampaolo Ganzer, che è stato comandante dei carabinieri di Verona, a 14 anni di reclusione nel processo sulle presunte irregolarità nelle operazioni antidroga sotto copertura, condotte tra il ’91 e il ’97 da un gruppo di militari del reparto speciale dell’Arma.

Milano. Il comandante del Ros, Giampaolo Ganzer, che è stato comandante dei carabinieri di Verona, ha tradito il dovere «di essere leale con gli altri organi dello Stato con i quali avrebbe dovuto collaborare». E secondo i giudici «ha una preoccupante personalità» capace «di commettere anche gravissimi reati per raggiungere gli obiettivi ai quali è spinto dalla sua smisurata ambizione». È uno dei passaggi delle motivazioni della sentenza con cui i giudici di Milano hanno condannato il generale a 14 anni di reclusione nel processo sulle presunte irregolarità nelle operazioni antidroga sotto copertura, condotte tra il ’91 e il ’97 da un gruppo di militari del reparto speciale dell’Arma.

Secondo i giudici dell’ottava sezione penale di Milano, presieduta da Luigi Caiazzo, il generale «non ha minimamente esitato (...) a dar corso» a operazioni antidroga «basate su un metodo di lavoro assolutamente contrario alla legge, ripromettendosi dalle stesse risultati d’immagine straordinari per se stesso e per il suo Reparto». Ganzer, sempre stando alle motivazioni di oltre 1.100 pagine, «non si è fatto scrupolo di accordarsi (...) con pericolosissimi trafficanti, ai quali ha dato la possibilità di vendere in Italia decine di chili di sostanze stupefacenti e ha loro garantito l’assoluta impunità». Il comandante dei Ros inoltre «ha tradito, per interesse personale, tutti i suoi doveri, e fra gli altri quello di rispettare e far rispettare le leggi dello Stato».

I giudici, il 12 luglio scorso, oltre a Ganzer, avevano condannato altre 13 persone - a pene variabili dai 18 anni in giù - tra cui anche il generale Mauro Obinu e altri ex sottufficiali dell’Arma. L’accusa aveva chiesto per Ganzer 27 anni di carcere, ma i giudici lo avevano assolto dall’accusa contestata dalla Procura di associazione per delinquere e lo avevano condannato per episodi singoli di traffico internazionale di stupefacenti.
Ganzer, secondo i giudici, ha tradito il dovere di «fare rispettare le leggi dello Stato, quello di contrastare la delinquenza e non favorirla (...), quello di essere d’esempio per tutti gli uomini che gli erano stati affidati».

L’imputato, scrivono ancora i giudici, «ha evitato, per quanto gli è stato possibile, di esporsi, facendo figurare altri come responsabili di iniziative che invece erano sue». Colpisce, si legge ancora nelle motivazioni, «nel comportamento processuale di Ganzer, non tanto il fatto che non abbia avuto alcun momento di resipiscenza (...) ma che abbia preso le distanze da tutte le persone che, con il suo incoraggiamento, avevano commesso i fatti in contestazione».

Il generale, secondo i giudici, si è trincerato «sempre dietro la non conoscenza e la mancata (e sleale) informazione da parte dei suoi sottoposti». Così, si legge ancora, per «sfuggire alle gravissime responsabilità» ha «preferito vestire i panni di un distratto burocrate che firmava gli atti che gli venivano sottoposti».

fonte: L'Arena (27 dicembre 2010)

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.