13 gennaio 2011

Enel condannata per Porto Tolle

fonte video: Rovigo5Stelle

"La Cassazione ha confermato la condanna per i vertici della centrale Enel di Porto Tolle tra cui all'epoca Paolo Scaroni (oggi Eni) e Franco Tatò riformando l'appello. Sono stati quindi ritenute credibili le consulenze tecniche di cui si è avvalsa la Procura da parte di esperti come l'ingegner Paolo Rabitti, tra l'altro impegnato a provare altri disastri ambientali nei procedimenti penali di Porto Marghera o dello scandalo rifiuti di Napoli e della Campania. La notizia si ricollega a quanto successo a Rovigo dove il ministro Alfano ha inviato gli ispettori contro i pm Manuela Fasolato e Dario Curtarello che indagano sulla riconversione della stessa centrale Enel da olio combustibile a ...carbone. Naturalmente nel Parco Naturale del Delta del Po.
Il ministro Alfano ha sguinzagliato Arcibaldo Miller, capo ispettore del ministero della Giustizia, già coinvolto nello scandalo P3. Miller è stato inviato a Rovigo dal ministro Alfano il quale ha dato seguito alla richiesta di ispezione dell'ex parlamentare Pdmenoelle Luciano Violante, presidente di Italiadecide, associazione che vede tra i soci fondatori Enel. Alfano ha immediatamente esaudito le richieste di Violante. Tra Pdl e Pdmenoelle ci si intende sempre quando ci sono carbone e inceneritori di mezzo! In solidarietà della magistratura di Rovigo si sono schierati i ragazzi del Movimento 5 Stelle Veneto che hanno svolto un sit-in di fronte al Tribunale. La sentenza della Cassazione conferma al massimo livello il lavoro d'indagine svolto dai magistrati di Rovigo Fasolato e Curtatello ed i loro consulenti. Adesso Violante & C. ci racconteranno che i giudici sono ...komunisti?". Matteo Incerti


Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.