19 febbraio 2011

Fughe e autolesionismo. Si scalda l'atmosfera nei Cie

foto dal sito http://www.autistici.org/macerie/

Con i trasferimenti in massa dei ragazzi tunisini sbarcati a Lampedusa la settimana scorsa, i centri di espulsione d'Italia rischiano di scoppiare. La situazione era già tesa prima. E adesso arrivano le prime avvisaglie, nei cie di Modena e Brindisi.

A Modena, dove 50 dei 60 detenuti fanno parte del gruppo dei tunisini di Lampedusa, mercoledì scorso ci sono stati i primi cinque episodi di autolesionismo. La cronaca locale descrive così la scena, per voce del direttore del centro di espulsione emiliano, il gemello dell'ex ministro, Daniele Giovanardi:
"Hanno divelto, strappato le reti dei letti e con le molle metalliche si sono procurati tagli e varie ferite. Sangue ovunque: tre sono stati medicati sul posto. Per due invece si sono aperte le porte del pronto soccorso. Qui hanno rifiutato flebo, creato più volte confusione nel reparto. Uno è stato ricoverato per il taglio profondo ed è rimasto al Policlinico. L'altro, che ha pure ingoiato un corpo estraneo, è riuscito a scappare. E' stato ritrovato ieri e nel pomeriggio riportato in ospedale e piantonato".
Notizie simili arrivano dalla Puglia, dove venerdì al centro di espulsione di Brindisi - secondo il sito Macerie - ci sarebbe stato l'ennesimo tentativo di fuga, finito con tre tunisini arrestati e uno riuscito a fuggire e tornare in libertà.

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.