27 febbraio 2011

Giovanni Brusca: lacrime liberatorie.



scritto da Pippo Giordano

E venne il giorno del “verro”, il porco, alias Brusca Giovanni. Era ora, che Giovanni Brusca cominciasse ad accendere quel lume di speranza che verosimilmente spazzerà la coltre nera che ammanta le “trattative” tra pezzi dello Stato e Cosa nostra.

Intanto, evidenzio una mia personale valutazione, ovvero che ci sono personaggi, politici e non, che dovrebbero recarsi a piedi in pellegrinaggio da Santa Rosalia, per ringraziarla della loro presenza in questa vita terrena. E, sì! Perché se non fossero intervenuti gli arresti che tutti conosciamo, nella città di Palermo ci sarebbe stato un remake di omicidi eccellenti. Il motivo? Le cambiali firmate e non onorate riferibile alla presunta “trattativa” che di giorno in giorno appare meno presunta.

Ma veniamo a Giovanni Brusca, che con la ritrovata memoria, farà perdere il sonno a parecchie persone e, per favore, che non si tenti di farlo apparire come un “scassapagghiaro” (persona di poco conto) perché non lo era affatto. Il ruolo da lui occupato in seno alla Cupola mafiosa, potere ereditato da suo padre Bernardo, lo poneva ai vertici di Cosa nostra. Le investigazioni hanno fatto emergere responsabilità e ruoli “istituzionali” all'interno della consorteria criminosa che non sono certamente qualificabili nelle funzioni del “picciotto”.

Ma, devo riconoscere a Giovanni Brusca che in passato, quand'era latitante, godeva di una fortuna sfacciata, giacchè tutte le volte che io mi avvicinavo a lui, a stretto contatto di gomito, interveniva qualcosa d'imponderabile e di naturale che gli consentiva di farla franca. E, non dipendeva dalla mia volontà o dal fatto che avessi commesso passi falsi. No! Solo che, persino le intemperie, l'aiutarono a non essere catturato, come ad esempio nell'episodio di violenti fulmini che danneggiarono una centrale di microspie, che con tanti sacrifici avevo piazzato in una casa da lui frequentata. E potrei raccontare altri episodi simili, ma mi fermo qui.

Le lacrime di Brusca, sgorgate nel corso del suo interrogatorio, rappresentano un fatto importante, non foss'altro, e spero di non sbagliarmi, perché rappresenta una forma liberatoria del suo passato. E' vero che le lacrime sono giunte dopo che è venuto a conoscenza di essere stato intercettato, ma è altrettanto vero che Giovanni Brusca, se voleva, rimaneva impassibile. Non dimentichiamoci che Brusca è mafioso per lignaggio diretto, ed io avendo viaggiato in lungo e largo nel territorio corleonese, conosco bene il retaggio giovanile che ha forgiato il carattere di Brusca.

Mi auguro che le sue dichiarazioni siano utili per aprire il necessario squarcio sull'omertà di taluni personaggi della vita pubblica di questo Paese. Auspico la verità non per me, ma per Rocco Chinnici, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, per tutti i miei colleghi, carabinieri, poliziotti e vittime innocenti, come le bambine di Firenze, trucidati dalla mafia ed in parte anche da Giovanni Brusca. Chiedo troppo?

Ipotizzo, quindi, che le lacrime siano il prodromo di un fiume in piena che consentirà di scrivere tanti capitoli della storia dei “corleonesi”, riconducibili ad affari e poltica.

Pippo Giordano


Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.