4 febbraio 2011

SICILIA, CAMBIA LA LEGGE SUGLI APPALTI




Cambia la legge sugli appalti in Sicilia. Stop al massimo ribasso, che nelle scorse settimane aveva portato all' aggiudicazione di gare anche con prezzi ridotti del 58 per cento, e via libera al meccanismo «dell' offerta economicamente più vantaggiosa». Firmato l’atto d’indirizzo vincolante che supera la legge varata dall’Ars la scorsa estate che aveva introdotto anche in Sicilia il meccanismo del «massimo ribasso», già in vigore nelle altre regioni d’Italia.
La Direzione investigativa antimafia ha però messo nero su bianco nell’ultima relazione semestrale indicando come «la criminalità organizzata stia sfruttando il ricorso al massimo ribasso».
Da qui la decisione di cambiare subito la norma attraverso un decreto presidenziale, che a sua volta sfrutta l' articolo 81 del Codice degli appalti e quindi consente di poter cambiare le regole senza passaggi immediati all’Ars. L’accordo raggiunto ieri tra governo e parti sociali prevede l’affidamento delle gare attraverso l’offerta economicamente più vantaggiosa, la possibilità di acquisire un punteggio ancora maggiore sulla base del tempo indicato per la realizzazione dell’opera e sugli elementi qualitativi come il materiale e la tecnologia utilizzata.

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.