13 marzo 2011

Brancaccio, Confindustria contro Spinnato "Se si piega al racket lo cacciamo"

Natale Spinnato

La confederazione degli imprenditori attacca il titolare dell'azienda di forni, vittima dell'attentato di giovedì sera, che ha ammesso di avere dato lavoro, quale compromesso, ad alcuni "personaggi" della zona

di ROMINA MARCECA


Confindustria Sicilia contro Natale Spinnato dopo l'intervista rilasciata dall'amministratore unico di "Forni Spinnato" a "Repubblica" in cui l'imprenditore dichiara di non pagare la "messa a posto" ma di distribuire lavoro ad alcuni personaggi della zona come "compromesso". Le sue parole hanno scatenato l'indignazione di Confindustria Sicilia. Tanto che lunedì pomeriggio sarà convocato il consiglio di presidenza per il deferimento immediato dell'imprenditore ai probiviri.

"Entro 24 ore - dice Alessandro Albanese, presidente di Confindustria - accerteremo se quanto affermato da Natale Spinnato è vero e decideremo la sua sospensione". "Sembra di essere tornati indietro di molti anni, di molti morti", dice il senatore del Pdl Carlo Vizzini. Spinnato ribatte: "Ho 24 dipendenti, devo pensare a lavorare. Non mi dicano di mettere la testa sotto la sabbia. Non lo farò. Confindustria decida ciò che vuole".


Intanto continuano le indagini sull'incendio che giovedì scorso ha distrutto tre capannoni, danneggiandone altri quattro. Ci sarebbe la mafia dietro il rogo che ha distrutto i capannoni appartenenti ad una ditta, nel quartiere di Brancaccio, a Palermo. Ne sono convinti gli investigatori, secondo cui l'episodio è il segno della riorganizzazione di Cosa nostra che gestisce il racket del pizzo.

Il raid criminale, secondo i primi accertamenti dei carabinieri del Reparto operativo, ha avuto due momenti. Un primo con la colla 'attak' inserita nei lucchetti e nelle serrature delle porte dei capannoni. Dell'indagine si occupano il procuratore aggiunto Ignazio De Francisci e i pm Roberta Buzzolani e Caterina Malagoli. Gli investigatori hanno sentito altri imprenditori che hanno detto di non avere mai pagato il pizzo.

(12 marzo 2011)

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.