22 marzo 2011

Mafia in Umbria



21 marzo 2011

Perugia. L'Umbria è il «covo freddo» delle mafie. Un posto in cui le varie organizzazioni ripuliscono il denaro sporco e si insinuano.

Lo si legge nella relazione annuale presentata dalle associazioni Libera informazione, Legambiente, Sos Impresa, Cittadinanzattiva e Mente Glocale che hanno messo insieme dati statistici, relazioni di servizi segreti, dati estrapolati dalle indagini e dai processi. Il «rapporto sulle infiltrazioni criminali e mafiose in Umbria» è stata presentata stamattina a Perugia durante le celebrazioni per la «XVI giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime di mafia».

Nel capoluogo umbro la ricorrenza è stata ricordata con una tavola rotonda alla Sala dei Notari, a cui hanno partecipato esponenti delle associazioni, delle istituzioni, e della magistratura. Il sostituto procuratore antimafia Antonella Duchini nel suo intervento ha detto tra l'altro che
«la presenza della mafia in Umbria non è per nulla episodica, come sento spesso dire. Anzi, assistiamo a una progressiva mafizzazione del territorio umbro».
Ha invitato a denunciare il magistrato, «non deve passare inosservata una virgola di soprusi nei concorsi pubblici, negli appalti» ha detto, perchè
«le vittime della mafia non sono solo coloro che sono stati uccisi, siamo tutti noi, siete vittime di mafia giorno dopo giorno: quando non vincete un concorso perchè qualcuno viene favorito, quando non vi aggiudicate un appalto perchè è stata pagata una mazzetta».
« L'Umbria non è più l'isola felice citata ancora da qualcuno»ha aggiunto poi, spiegando che due sono i fenomeni più preoccupanti: «il primo - ha detto - è che siamo destinazione finale della tratta degli esseri umani: le organizzazioni portano in territori »non a rischio« come il nostro persone per sfruttarle, ad esempio nella prostituzione di strada e non solo. Il secondo è quello delle »infiltrazioni economiche: parlo - ha spiegato ancora il pm - dell'impiego diretto o tramite soggetti apparentemente leciti di beni di organizzazioni mafiose«. »La mafia - ha concluso il magistrato - non ha più bisogno di farsi Antistato: dato che ha accumulato capitali ingentissimi ha ora bisogno di infiltrarsi, di «essere» Stato.

fonte: Adnkronos

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.