22 aprile 2011

Ciancimino, Ferrara contro Ingroia


Un appello al presidente delle Repubblica, Giorgio Napolitano, e a Michele Vietti vice-presidente del Consiglio superiore della magistratura ha chiuso l’intervento di Giuliano Ferrara stasera a ‘Qui Radio Londra’ su Raiuno. Nelle puntata un lungo attacco a Massimo Ciancimino, figlio di Vito Ciancimino, un ”calunniatore professionale” che oggi è stato fatto arrestare a Bologna da parte di quel magistrato Antonio Ingroia della Procura antimafia di Palermo che, ha detto Ferrara, ‘’si è servito delle sue accuse mai davvero controllate”. ”E’ uno che ne ha dette di tutti colori e ha accusato, tra l’altro, lo stesso Silvio Berlusconi perchè il padre gli avrebbe detto che gli aveva dato dei soldi”.

E di cosa si è servito su tutti Massimo Ciancimino, accusato oggi di truffa e calunnia pluriaggravata, e che ci tiene a dire Ferrara non è neppure un pentito? E qui Radio Londra mette mano a un filmato di repertorio di Annozero con Michele Santoro che nel 2008 parla con Ciancimino ospite della sua trasmissione.”Signor presidente della Repubblica, il tempo è scaduto, bisogna fare qualcosa rispetto a questi calunniatori professionisti in servizio permanente effettivo in mano a un circuito mediatico giudiziario. Chi può provvedere, provveda, una vergogna di questo genere per la giustizia italiana non ce la meritiamo”.

fonte: http://www.livesicilia.it/




Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.