31 maggio 2011

CineFestival di Taormina all’ombra del Ponte



di Antonio Mazzeo


Padrini del Ponte e attori-promotori del mercato globale di scena al Taormina Film Festival. Alla 57^ edizione della rassegna che si terrà nella cittadina siciliana dall’11 al 18 giugno, non mancheranno i mecenati ultraconservatori con il pallino del collegamento stabile nello Stretto di Messina. Accanto ai loghi degli enti locali e del Ministero della gioventù, la kermesse cinematografica vedrà quello della Fondazione Roma Mediterraneo che per l’occasione istituirà il Premio Award per il cineasta che più ha contribuito allo “sviluppo del dialogo interculturale ed all’affermazione di una specifica identità mediterranea”.


Nata nel 2008 per iniziativa della “Fondazione Roma” (ex Fondazione Cassa di Risparmio di Roma,importante azionista del gruppo Capitalia poi Unicredit), la partner-sponsor del TaoFestival ha sede legale nella capitale e uffici di rappresentanza a Palermo e Rabat, ma riesce a muoversi con autorevolezza in tutta l’area mediterranea e finanche in Corno d’Africa. Sponsor del Romaeuropa Festival, la rassegna di spettacoli dell’autunno romano, la Fondazione Roma Mediterraneo finanzia il master in Politiche di pace e cooperazione realizzato dall’Università per stranieri “Dante Alighieri” di Reggio Calabria con i Rotary Club di Reggio Calabria Sud e Roma Cassia, più alcuni progetti allo sviluppo a Gibuti (bambini diversamente abili), Damasco (rifugiati iracheni), Aqaba ed Eilat (studenti giordani e israeliani). Impegni meritori a prima vista, ma dopo aver scorso nomi e curricula degli uomini che siedono nel consiglio di amministrazione della fondazione impossibile non nutrire qualche dubbio sulla sua reale vocazione “sociale ed umanitaria”.


Fondatore e presidente è l’avvocato-professore Emmanule Francesco Maria Emanuele, anche presidente della Fondazione Roma e una serie d’incarichi in passato nei Cda di aziende pubbliche e private, dall’Agusta S.p.A. (gruppo Finmeccanica), protagonista del mercato mondiale degli elicotteri da guerra, alla holding finanziaria Ferfina (gruppo Efibanca) o Condotte Immobiliare S.p.A., società di Condotte d’Acqua, importante gruppo di costruzioni controllato quasi per intero da Ferfina, attivo nel business delle Grandi opere (alta velocità ferroviaria, Mose di Venezia, autostrada Salerno-Reggio, ecc.). Condotte d’Acqua, in particolare, è socia di Eurolink, l’associazione temporanea d’imprese a guida Impregilo, general contractor per la realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina. Il professore Emanuele del Ponte è un profondo estimatore, al punto di aver fatto parte sino a pochi anni fa del Cda della Società Stretto di Messina, la concessionaria pubblica per la costruzione del manufatto.

A sostituirlo nel consiglio della S.p.A. del Ponte c’è oggi il cavaliere del lavoro Ercole Pietro Pellicanò, originario di Reggio Calabria e consigliere della Fondazione Roma Mediterraneo. Docente di Organizzazione aziendale presso la Libera Università Maria Santissima Assunta di Roma (Lumsa), Pellicanò ha ricoperto prestigiosi incarichi in istituti bancari e finanziari (presidente della Banca Popolare di Roma e di SIPAF - Società di Iniziative e Partecipazioni Finanziarie S.p.A.; membro del Comitato di consulenza di Banca d’Italia; consigliere di Meridiana Finanza, Cofiri S.p.A e Banca Etruria; amministratore delegato e direttore generale di MAIA - Macchine Agricole Industriali Automezzi S.p.A., azienda leader nel Mezzogiorno, Albania e Malta nel settore delle macchine movimento terra).

Attualmente Ercole Pietro Pellicanò è presidente di Exvi Financial, società finanziaria del Gruppo DGPA di Milano per il sostegno alle imprese; amministratore unico di Futura 2000 S.r.l.; presidente di Ansaldo T&D, gruppo industriale con sede a Genova che progetta e realizza impianti per la trasmissione e distribuzione di energia elettrica. Presente particolarmente in paesi mediterranei e mediorientali (Algeria, Emirati Arabi, Libano, Libia, Kuwait, Qatar, Pakistan, Siria, Tunisia, Yemen), nel marzo 2010 Ansaldo T&D è stata acquisita al 67% dal colosso giapponese Toshiba, mentre il restante pacchetto è in mano al gruppo privato “TILI” di Roma (titolare della società di costruzioni Coinfra S.p.A., ex IRI).

Come se non bastasse, il cavaliere Pellicanò è membro del consiglio di amministrazione del Centro Elettronico Sperimentale Italiano (CESI), leader nel mercato delle prove e certificazioni di apparati elettromeccanici e delle consulenze sui sistemi elettrici. L’82,4% di CESI è in mano a Terna S.p.A ed ENEL; il resto è controllato da una serie di società private, tra cui Italcementi e Prysmian Cavi e Sistemi Energia. Ancora l’ombra dei signori del Ponte: Italcementi, tra i maggiori produttori di calcestruzzo e cemento a livello mondiale, è proprietà della famiglia Pesenti, azionista della società editrice della Gazzetta del Sud, il quotidiano dello Stretto sostenitore del manufatto tra Scilla e Cariddi (il direttore, Antonio Calarco, è presidente onorario della Stretto di Messina S.p.A.); Prysmian Cavi e Sistemi è un’azienda milanese ex Pirelli, controllata per il 4,8% dal fondo di gestione risparmio Fidelity Management and Research - FMR LLC del gruppo Fidelity Investments di Boston, presente pure tra gli azionisti “diffusi” di Impregilo, la società capofila per la progettazione e i lavori del Ponte.

Dulcis in fundo il cavaliere Pellicanò siede dal marzo 2003 alla presidenza del Comitato per lo Sviluppo del Sud dell’American Chamber of Commerce in Italy che ha come scopo di promuovere iniziative nelle regioni del Sud Italia attraverso gli investimenti diretti delle imprese americane. Del Comitato fanno pure parte il presidente della Fondazione Roma, Emanuele Emmanuele; il presidente ANAS e amministratore delegato della Società Stretto di Messina (nonché ex presidente Cofiri, ex vice Banca di Roma ed ex consigliere Finmeccanica) Pietro Ciucci; il presidente del Gruppo Acqua Marcia Francesco Bellavista Caltagirone; l’ex Ragioniere dello Stato e presidente di Infrastrutture S.p.A., Andrea Monorchio.

Nel consiglio di amministrazione della Fondazione Roma Mediterraneo compaiono poi i nomi di Guglielmo de Giovanni-Centelles (consigliere della Pontificia Insigne Accademia di Belle Arti e Lettere, docente di Economia italiana presso l’università “Mediterranea” di Reggio Calabria e Storia del Mediterraneo nell’università “Suor Orsola Benincasa” di Napoli) e Franco Parasassi (già consigliere di numerose fondazioni e dell’European Foundation Center, direttore generale della Fondazione Roma e membro del Cda di Sator S.p.A., società che gestisce diversi fondi d’investimento, nella titolarità di ex manager di Capitalia-Unicredit).


Il partner strategico del CineFestival di Taormina annovera infine un Comitato Scientifico d’Onore che annovera i nomi di Antonio Marzano, Carlos Abella Y Ramallo e Avi Pazner.

Marzano è l’odierno presidente del CNEL già ministro forzista alle Attività produttive (governo Berlusconi 2001-05), noto per aver ideato la cosiddetta legge “sblocca centrali” per la realizzazione di nuove centrali energetiche (e nucleari).
Abella Y Ramallo, avvocato e Gran Cancelliere del Sacro Ordine Costantiniano di san Giorgio, è un ex diplomatico spagnolo conosciuto in patria per il suo acceso ultraconservatorismo. Prima di essere nominato ambasciatore presso la Santa Sede e il Sovrano Ordine Militare di Malta, Carlos Abella Y Ramallo ha ricoperto il ruolo di console di Spagna a Miami negli anni in cui il governo “popolare” di Aznar flirtava con la colonia cubana anticastrista capitanata dal boss Jorge Mas Canosa. “La fratellocrazia Castro è la grande tragedia del popolo cubano” ama ripetere l’ex diplomatico, consigliere onorario della Fondazione “per lo sviluppo del dialogo interculturale”.

Ancora più ingombrante la figura del professore Avi Pazner, ex ambasciatore di Israele in Italia ed ex portavoce del governo di Ehud Olmert (maggio 2006 – gennaio 2009), quello passato alla storia per aver condotto la tragica guerra dei 34 giorni in Libano e l’operazione “Piombo Fuso” a Gaza. Pazner è il presidente mondiale del Keren Hayesod - United Israel Appeal (letteralmente “Fondo per le fondamenta”), una delle agenzie ebraiche fondate in occasione del Primo congresso mondiale Sionista (1920) per agevolare l’immigrazione degli ebrei nei territori della Palestina e che oggi raccoglie i fondi per “sostenere” lo Stato di Israele e assicurare lo sviluppo di nuovi insediamenti illegali nei territori occupati della Cisgiordania. Nel 2009 Keren Hayesod ha scelto Roma per tenere la propria conferenza annuale, ospite d’onore il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

L’indigesta partnership Fondazione Roma Mediterraneo – CineFestival di Taormina resterà comunque scolpita nella memoria di cinofili, turisti e comuni cittadini della “perla dello Ionio”. Secondo quanto anticipato dalla Gazzetta del Sud, l’auditorium del PalaCongressi con oltre 800 posti sarà denominato “Sala Fondazione Roma Mediterraneo”. “Perché tale titolazione a una fondazione che vede tra i suoi animatori alcuni dei consiglieri della Società pubblica impegnata nella costruzione dell’ecomostro dello Stretto?”, domanda amaramente il critico cinematografico Citto Saija, storico esponente dei NoPonte. “Non è il Taormina FilmFest ad avere una identità mediterranea? E perché allora non intitolare la sala a un taorminese illustre o ai morti della rivoluzione dei gelsomini?” Nessuno degli amministratori siciliani ha sentito il dovere di rispondere.


Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.