31 maggio 2011

Fotografa il voto, ma viene scoperto



E' accaduto a Canicattì, provincia di Agrigento, dove si vota per le amministrative. Il presidente del seggio, allertato dal "clic" del telefonino, ha subito bloccato l'elettore e avvertito i poliziotti in servizio

Continuano sotto il simbolo del clientelismo le elezioni amministrative in Sicilia. Almeno stando a quanto è successo nel comune agrigentino di Canicatti, dove
un elettore è stato "beccato" mentre fotografava la scheda elettorale con il telefonino.
Ad accorgersene il presidente di un seggio del plesso Rapisardi. Dopo aver sentito il clic il presidente di seggio ha invitato l'elettore-fotografo a consegnare il cellulare e ha allertato i poliziotti in servizio al seggio. Nel telefono cellulare era stata memorizzata la foto della scheda votata. Il cittadino è stato quindi accompagnato al commissariato di Polizia per essere identificato. A Canicattì, comune di 35 mila abitanti, i cittadini sono stati chiamati a scegliere tra ben sei candidati alla carica di sindaco. Nell'ordine: Adolfo Bartoccelli, Giuseppe Cammalleri, Gaetano Cani, Vincenzo Corbo, Daniela Marchese Ragona ed Alberto Tedesco.

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.