7 giugno 2011

TeleJato è cosa nostra

di Pietro Orsatti 06-06-2011

Minacce, ancora, a Pino e ai suoi ragazzi, a chi a Partinico mette cuore e faccia per combattere il malaffare, per raccontare la mafia e attraverso la narrazione impietosa svelarne l’orrore. Che è più del fenomeno violento e “visibilmente” criminale. La mafia, la cultura mafiosa, è un’aberrazione della società. TeleJato è cosa nostra. TeleJato è un pezzo di ciascuno di noi, che non abbiamo paura di mettere cuore e faccia.

Ecco il comunicato della redazione

"A conclusione dell’edizione del telejato notizie di sabato scorso, come ogni giorno, ci siamo apprestati a lasciare i locali della redazione per raggiungere ognuno le proprie abitazioni, ma la nostra bramosia di riposo, dopo una estenuante giornata passata a ricercare le informazioni utili per il nostro telegiornale per poi mandarle in onda, è stata turbata da un inquietante scoperta: vicino al posto dove era parcheggiata l’automobile del nostro direttore Pino Maniaci c’era la carcassa di un piccolo gatto con la testa completamente fracassata, a caldo non abbiamo dato grande importanza all’inquietante ritrovamento, e infatti trascorsi alcuni minuti a commiserare la triste fine del malcapitato animale, ognuno è tornato alle proprie abitazioni.

Purtroppo alla luce di una lettera anonima recapitata a mezzo del servizio postale stamattina alla nostra redazione, ci siamo resi conto che il povero felino con la testa fracassata non si trovava vicino all’automobile del nostro direttore per caso, ma probabilmente voleva essere un messaggio subliminale atto ad intimidire chi quotidianamente con un informazione puntuale cerca di cambiare le coscienze della gente del nostro comprensorio affinché si possa debellare definitivamente il fenomeno mafioso che da sempre reprime il naturale sviluppo sociale economico e culturale del nostro territorio.

Per decenza non vi diamo lettura della missiva che ci è pervenuta, ma vogliamo rivolgerci agli autori del pesante manoscritto per informarli del fatto che non ci siamo lasciati intimidire neppure quando i conclamati mafiosetti paesani hanno avuto il coraggio di affrontarci a viso aperto, abbiamo arretrato di un solo passo rispetto alle nostre idee, ma, abbiamo continuato per la nostra strada denunciando sempre e comunque il malaffare d qualsiasi parte esso provenga, per cui, ci appare quasi impossibile che una missiva anonima, quindi scritta da balordi senza gli attributi che da autentici codardi si trincerano dietro l’anonimato, se questi avessero le palle per affrontarci a viso aperto o quantomeno firmando le lettere minatorie che invino all’indirizzo della nostra emittente forse potremmo dare loro la giusta considerazione, ma i vigliacchi e i codardi abili a tirare la pietra e nascondere la mano non meritano alcuna considerazione ne da parte nostra ne tantomeno da parte di quella cittadinanza che ha la nostra stessa voglia di riscatto.

In ogni caso abbiamo provveduto a consegnare la missiva nelle mani dei carabinieri della compagnia di Partinico, che eseguiranno le indagini nel tentativo di smascherare i balordi, vigliacchi e senza palle che cercano di intimidirci."

La redazione di telejato

La redazione di ANTIMAFIADuemila e questo blog esprimono la solidarietà a Pino Maniaci e a tutta la redazione di Telejato a seguito dell'ennesima intimidazione subita.

ATTENZIONE! - Le immagini possono urtare la propria sensibilità

FOTO 1 - FOTO 2

fonte: http://www.antimafiaduemila.com/index.php

fonte video: in data 22/ott/2010
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.