19 agosto 2011

LETTERA APERTA AL CONVEGNO DI STUDI SULLA TUTELA DELL'AMBIENTE A MILAZZO di Carmelo Coppolino Billè

Carmelo Coppolino Billè (foto)

Pubblico di seguito una lettera aperta che Carmelo Coppolino Billè (Poeta) scrisse nel mese di maggio 2010, e fece recapitare attraverso padre Marco D’Arrigo, parroco della chiesa “Sacro Cuore”, Milazzo (ME), agli esperti partecipanti al convegno di studi sulla tutela dell’ambiente a Milazzo. Carmelo Coppolino Billè si è spento in data 4 agosto 2011, in seguito alla malattia.

di Carmelo Coppolino Billè (maggio 2010)

"Mi chiamo Carmelo Coppolino Billè, da 41 anni abito a Milazzo, e sento dentro me, di essere un milazzese a tutti gli effetti. Con questa città ho condiviso gioie e dolori, ma da tre anni a questa parte sono stati più dolori e meno gioie. La città di Milazzo ha bisogno di questi meeting per conoscere le tante realtà nascoste.
Questa lettera Vi giunga attraverso Padre Marco della parrocchia Sacro Cuore (Milazzo) che è stato l'ideatore di questo simposio sull'ambiente della città del capo, e la stessa viene consegnata all'amico Pippo Ruggeri, per il quale da sempre nutro tanta stima, rappresentante della Lega Ambiente di Milazzo e punto di riferimento per i milazzesi.

Vengo al dunque: ricoverato per un banale dolore alle gambe, dopo tanti accertamenti, mi trovo nel reparto oncologico del Policlinico di Messina, affollato da tanta gente, soprattutto proveniente dalle nostre parti. Tanti nomi e cognomi della nostra piana che oggi non ci sono più "purtroppo" e che non vorrei divenisse una catena di S. Antonio. Ricordo fra l'altro in una stanza del reparto oncologico, che su quattro pazienti, tre eravamo di Milazzo e questo mi fece subito pensare, e non so se fa pensare pure voi.

A suo tempo e precisamente un anno fa, mi veniva diagnosticato un linfoma che aveva attaccato le mie ossa e che mi costrinse a stare per tre mesi sulla sedia a rotelle. è stata un'esperienza che mi ha fatto piangere, ma senza perdermi d'animo e con la tenacia e caparbietà che mi contraddistingue, dopo dieci chemioterapie sono finalmente riuscito a mettermi in piedi. Ora sto continuando quella di mantenimento al fine di raggiungere la tanto desiderata guarigione che dopo questa esperienza ha fatto di me un uomo di fede e credente nel miracolo.

Ora mi rivolgo ai relatori di questo raduno; per concomitanza di data e di orario non posso essere presente, in quanto impegnato come coordinatore per la presentazione di un libro al Palazzo D'Amico, e visto che queste cose si fanno in casa comunale le concomitanze non dovrebbero accadere.

PERTANTO A VOI CHIEDO

-Dott. Giuseppe Falliti referente WWF Sicilia "Aree industriali a rischio"

-Ing. Vincenzo Colavecchio membro Dierez. Reg. Legambiente Sicilia

- padre Giuseppe Trifirò Presid. Associazione Tutela della salute del Cittadino

-Dott. Ettore Lombardo Dirigente Tecnico Az. Forestale Demaniali di Messina

CHE CI SIA UN CONTROLLO SULL'INQUINAMENTO A MILAZZO E DINTORNI AL FINE DI PORTARLO NEI PARAMETRI CONSENTITI DALLA LEGGE.

E’ POSSIBILE CHE DA MILANO IL PROF. VERONESI SAPPIA DELLA ZONA ROSSA AD ALTO RISCHIO TUMORALE E NOI CHE VI ABITIAMO, NON LO SAPPIAMO? O CHE IL 30% DEI RICOVERATI AL SAN RAFFAELE DI MILANO SIANO DELLA VALLE DEL MELA?

MI CHIEDO, DOBBIAMO INTERPELLARE IL DOTT. BERTOLASO CHE SI OCCUPA DI FRANE, ALLUVIONI E CALAMITA’ MOLTO GRAVI ED IMPORTANTI?...
MA CREDETE CHE L'ALTO TASSO DI INQUINAMENTO SIA UN FATTORE SECONDARIO? IO CREDO DI NO, E MILAZZO E’ IN AGONIA, STA MORENDO LENTAMENTE...
UNITE LE VOSTRE FORZE PER DARE UNA RISPOSTA AI MILAZZESI.

Grazie di avermi sin qui letto..."

Carmelo Coppolino Billè ( 3 febbraio 1946 - 4 agosto 2011)
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.