17 ottobre 2011

Barcellona Pozzo di Gotto (ME): Spopolano le microcar taroccate con assicurazione pagata all'estero


di Leonardo Orlando 16/10/2011

Barcellona
Un nuovo fenomeno di abusivismo viene segnalato nella caotica circolazione stradale: è rappresentato da strane "microcar" che circolano da alcuni mesi per le vie di Barcellona. In apparenza si tratta di normali auto, con carrozzerie di Fiat Punto, Fiat 600 e Panda, contrassegnate sul retro – ed ecco la stranezza – da un adesivo che riporta un certo numero, il 25, per indicare la ridotta potenza espressa in cavalli. «In realtà – viene spiegato da chi segnala il fenomeno – si tratta di auto immatricolate in Germania e che riportano una targa – sempre di origine tedesca – simile a quella di un ciclomotore e ciò grazie ad un kit meccanico che nella Repubblica federale tedesca è regolarmente venduto per ridurre la potenza di alcune utilitarie».

La legislazione italiana non permette che simili vetture, con caratteristiche identiche a normali auto anche se con potenza ridotta, siano immatricolate sul territorio nazionale e nemmeno assicurate con compagnie che operano in Italia.
Per questo i rivenditori, che commercializzano evidentemente auto importate dall'estero, sarebbero riusciti a ricorrere a degli espedienti utili a raggirare i divieti.
l'auto resta immatricolata in Germania, grazie alla compiacenza dei rivenditori tedeschi. Stessa cosa avviene per le garanzie assicurative. L'acquirente italiano, in questo caso di Barcellona, ma il fenomeno è esteso, riceve la vettura in comodato d'uso e con essa la polizza assicurativa intestata a un compiacente cittadino tedesco. L'auto, pur circolando in Italia, resta immatricolata in Germania e ciò permette all'utilizzatore finale di circolare liberamente in barba ai divieti del nostro codice della strada.
Il fenomeno di simili pseudo "micro car" si è acutizzato di recente con l'avvio del nuovo anno scolastico. Le vendite di simili vetture infatti sembrano crescere soprattutto nel mondo giovanile. Tanti ragazzi si recano a scuola con questa nuova "micro car" taroccata. Per i dirigenti scolastici evidentemenete è da riscrivere e aggiornare la campagna di sensibilizzazione per l'uso di forme diverse di mobilità cittadina.
fonte: gazzettadelsud.it
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.