4 gennaio 2012

MESSINA: Giustizia e verità», Galati M. omaggia Attilio Manca


2 gennaio 2012

MESSINA: «Giustizia e verità», Galati M. omaggia Attilio Manca

Postato da Enrico Di Giacomo

Far passare per tossicodipendente un professionista e per “matti” dei genitori: una nazione che si reputa civile non può accettare un’assurda “verità”, ovvero accettare l’idea del suicidio del trentaquattrenne, brillante urologo barcellonese, Attilio Manca, cresciuto alla scuola del dott. Gerardo Ronzoni a Viterbo, dal quale aveva appreso le tecniche più innovative e all’avanguardia per dare il massimo del proprio sapere nel campo della chirurgia prostatica con laparoscopia.

E questa sua abilità, questa straordinaria competenza nello specifico settore, di cui la società tutta avrebbe avuto una grande “utilitas”, gli fu fatale. È ciò che è emerso nei giorni scorsi dalla presentazione del libro di Luciano Armeli Iapichino, nella sala consiliare di Galati Mamertino. “Uniti nella legalità per ricordare Attilio Manca”, è il titolo curato dall’amministrazione comunale che ha promosso la presentazione del volume di Armeli, “Le vene violate” - Dialogo con l’urologo siciliano ucciso non solo dalla mafia, edito da Armenio di Brolo. Numerosi gli interventi a cominciare dal sindaco Bruno Natale, dal presidente dei consiglio Gaetano Emanuele e dal consigliere Vincenzo Amadore che hanno fatto gli onori di casa.

Luciano Mirone, scrittore e giornalista, ha curato la presentazione descrivendo nei particolari ciò che ha portato per ben tre volte gli inquirenti a non chiudere il caso per quello che non può essere considerato un suicidio. Il suicidio di chi è mancino puro, di chi nell’attività di chirurgo maneggiava il bisturi esclusivamente con la mano sinistra, di chi stava per acquistare una casa, e poi essere trovato morto con due fori sul braccio sinistro e una siringa sulla mano destra, per “essersi praticato” una overdose e nel contempo essere una maschera di sangue, avere il setto nasale tumefatto, lividi in tutto il corpo, e dare a questa scoperta una implacabile, offensiva, lesiva di ogni dignità umana, valutazione di “suicidio del soggetto”. Come può una Nazione evoluta accettare per suicidio una simile morte?

È ciò che si è chiesto il fratello di Attilio, l’avvocato Gianluca Manca, nel suo appassionato intervento, durante il quale ha raccontato in tutto i particolari i fatti di questo “suicidio” , è ciò che si sono chiesti il missionario don Graziano De Palma, Luciano Mirone, Maria Ricciardello e Luciano Armeli nei loro interventi. È ciò che si è chiesto tutta la nutrita e attenta assemblea dei partecipanti. Il libro di Armeli, scritto sull’argomento dopo quello di Joan Queralt, mafiologo spagnolo e tradotto d’antropologa Olga Nassis, è un atto d’accusa per i sei anni trascorsi senza alcuna risposta nella civilissima Italia di oggi. È un promemoria per le generazioni future affinché emerga la non rassegnazione, la non sconfitta, la non archiviazione del diritto e la consapevolezza che la lotta al sistema dell’illegalità è possibile.
Anna Franchina - GDS

Link: http://www.enricodigiacomo.org/2012/01/messina-%c2%abgiustizia-e-verita%c2%bb-galati-m-omaggia-attilio-manca/
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.