22 febbraio 2012

MILAZZO: Edilizia, fatture false ed evasione fiscale. Chiesto giudizio per 16


[fonte foto]

22/02/2012

Il sostituto della Procura di Messina, Santo Melidona, ha chiesto il rinvio a giudizio per 16 imprenditori impegnati nel settore delle costruzioni edili e nella fornitura di materiali e servizi per l’edilizia, per un presunto giro di fatture false che sarebbe stato organizzato allo scopo di eludere il fisco e che avrebbe avuto il suo baricentro nel triangolo compreso tra Milazzo, Rometta e Villafranca.

I 16 indagati che dovranno comparire dinanzi al gip il prossimo 12 aprile sono accusati, in concorso, dell’emissione e dell’utilizzo di false fatture per operazioni inesistenti o gonfiate, inventate - come sostiene la Guardia di finanza - al fine di consentire alle imprese l’evasione fiscale delle imposte sui redditi e sull’ Iva. Negli accertamenti sono anche entrati imprenditori che operano a Barcellona, Falcone, Patti e Gioiosa Marea. Le investigazioni finanziarie si sono concentrate a Villafranca, Rometta Marea e Milazzo. L’indagine abbraccia un ampio periodo di tempo - dal 2004 fino al 2009 - e si riferisce ad accertamenti effettuati dalla Gdf su cantieri relativi alla costruzione di alberghi, complessi edili e persino su lavori pubblici.
Gli indagati sono tutti imprenditori o amministratori, reali o di fatto, di società: Giovanna Crea, 25 anni, di Villafranca; Antonino Tavilla, 35, di Messina; Santo Samperi, 57, di Gioiosa Marea; Francesco Assenzio, 41, originario di Messina e residente a Palermo; Antonino Perroni, 50, di Barcellona; Vincenzo Merenda, 40, di Santa Margherita di Messina; Antonino Sobbrio, 61; Camillo Di Bartolo, 32; Daniele Doria, 44; Antonino Lentini, 44, tutti di Messina. E ancora Roberto Catania, 51, originario di Fondachelli Fantina e residente a Taormina; Antonino Scaglione, 31, di Patti; Barbara Milicia, 39, di Montagnareale; Rosario Michele Orlando, 41, originario di Vibo Valentia e residente a Sesto San Giovanni; Filippo Sottile, 62, di Milazzo e infine l’imprenditore albanese che opera a Milazzo, Zef Preci, 33 anni.

Le società che avrebbero emesso fatture false sono: la Edil Europa srl di Villafranca, la Crea Costruzioni di Villafranca, la Creare di Assenzio di Villafranca, la coop A3 di Messina, l’Arredostore di Messina, la Edil company costruzioni immobiliari Antonini di Messina, la ditta Camillo Di Bartolo di Messina. Oltre 300 le fatturazioni che vanno da poche migliaia a centinaia di euro indicati nelle fatture e utilizzate dalle imprese di cui risultato titolari i restanti indagati. Nella difesa degli indagati sono impegnati gli avv. Calabrò, Mangiapane, Silvestro, Bonavita e Barone.

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.