22 febbraio 2012

Pm Scarpinato: "Sorprende il consenso sociale a diffusione dell'economia mafiosa"


20 febbraio 2012

Palermo. «Le organizzazioni mafiose rispondono a una domanda sociale di beni e servizi illegali che deriva dalle persone normali e da grandi pezzi del mondo imprenditoriale. C'è un'economia deregolata con forti tassi di illegalita», fatti anche di rapporti collusivi con il mondo politico-economico, non penetra dall'esterno un virus che porta il male perchè il male già esiste«.

Lo ha detto il Procuratore generale di Caltanissetta, Roberto Scarpinato, che per anni è stato procuratore aggiunto alla Dda di Palermo seguendo le inchieste più delicate. »
Quello che sorprende è il consenso sociale alla diffusione dell'economia mafiosa, - ha aggiunto Scarpinato - perchè quando un'amministrazione comunale si vede costruire un asilo nido con un risparmio del trenta per cento sono contentissimi. Il problema è come fa quell'impresa a fare uno sconto del trenta per cento«.
»C'è un pregiudizio culturale fortissimo, la maggioranza dell'opinione pubblica europea è ancora convinta che la mafia sia una storia di piccole minoranze di criminali che operano nella malavita e che si impongono con le estorsioni e il racket. La realtà è completamente diversa. C'è un modello di imprese mafiose che ha ragioni di carattere economico, e sono le stesse ragioni del successo dell'economia mafiosa nel Nord Italia - ha detto ancora Scaprinato - Se noi continuiamo l'impostura culturale di una mafia costituita solo da personaggi come Riina e Provenzano mentre dall'altra parte c'è un mondo di persone immacolate, ci raccontiamo una storia che non ci aiuta a comprendere come combattere la mafia. La realtà della mafia è purtroppo quella di Hannah Arendt, 'La banalità del male«.

«L'impresa mafiosa - ha proseguito a Palermo a margine di un convegno sulla mafia vista dall'estero - non si impone in quei territori con la violenza, offre riduzione di costi e incrementi di profitti che sarebbe la felicità degli imprenditori stranieri.
Ad esempio, sono un imprenditore di mafia che va in Germania e voglio abbattere un palazzo pieno di amianto. Se costruisco il nuovo palazzo con lo sconto del trenta per cento i committenti tedeschi sarebbero felici. Questo è uno dei motivi che determina il successo delle economia mafiose». Scarpinato avverte quindi che «Ci troviamo di fronte a una realtà che viene sottovalutata perchè non si tiene conto che c'è una logica di mercato: c'è una fortissima domanda di beni illegali che proviene dalla società civile. Domanda forte di droga ma anche di essere umani da usare allo sfruttamento lavorativo e sessuale, quindi
le mafie offrono questi beni per i quali c'è una fortissima domanda.
Questa linea di separazione tra sporchi, brutti e cattivi e un mondo di buoni è falsa, perchè c'è un fenomeno di domanda e offerta che è alimentato dalla stessa società civile».

fonte: Adnkronos


[fonte video]
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.