23 aprile 2012

Caso Aias, chiesto il rinvio a giudizio per Sanzarello


Accusa di tangenti

“Il collettore delle tangenti Aias era l'esponente politico di centro destra, il mistrettese Sebastiano Sanzarello(foto), che è stato assessore regionale alla Sanità alla fine degli anni '90”.
Questa l'ipotesi della Procura di Messina, che ora arriverà al vaglio del Giudice per le udienze preliminati. Il sostituto procuratore della Dda Giuseppe Verzera ne ha chiesto il rinvio a giudizio alla fine dell'inchiesta denominata Gotha 2. Stessa richiesta anche per il funzionario regionale Oreste Casimo, 50 anni, l’ex presidente dell’Aias di Barcellona Luigi La Rosa, 45 anni e l’ex vicepresidente Sebastiano Salvatore Messina, 53 anni. Sanzarello è indagato per concussione, l'ipotesi per gli altri tre è di concussione.

E' stato lo stesso La Rosa a svelare agli investigatori i retroscena e chiamare in causa il livello politico, spiegando che
l’Aias pagava tangenti per ottenere dalla Regione i rimborsi.
Sanzarello avrebbe intascato almeno un miliardo di lire in anni. Trenta milioni, nel '98, "costò" la stipula della convenzione tra Regione e l’ente. I responsabili dell'Aias pagarono l’affitto mensile della sua segreteria politica, e nel 2004 Sanzarello chiese a La Rosa e Messina un contributo di 50 mila euro per l’acquisto di un immobile a Roma. Richiesta che però gli venne negata. Casimo invece avrebbe avuto il compito di "oliare" la pratiche di rimborso mensile.

fonte: amnotizie.it
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.