2 giugno 2012

SCIOLTO IL COMUNE DI BARCELLONA? NO, SOSPESO



01/06/2012

Apprendiamo da notizie di stampa (Gazzetta del sud , 31/05/2012, pag 34), che il Ministro dell’Interno, a seguito dell’ispezione della commissione prefettizia al comune di Barcellona Pozzo di Gotto, per verificare eventuali infiltrazioni mafiose, ha emesso un provvedimento di sospensione di 30 giorni per 6 funzionari e dirigenti del comune. Ricordiamo che il Prefetto aveva nominato la commissione a seguito di un esposto presentato dall’Associazione Antimafie Rita Atria e dall’Associazione Citta’ Aperta di Barcellona Pozzo di Gotto. Dall’articolo di stampa suddetto, unico documento finora a nostra conoscenza, emergono le seguenti , provvisorie, valutazioni:
Si evincono, da subito, due inconfutabili verità:

1) Le infiltrazioni mafiose si sono verificate;

2) Si sono individuate le persone all’interno del comune che quelle infiltrazioni le hanno veicolate.

Perché, allora, non è stato sciolto il comune di Barcellona Pozzo di Gotto? Non lo sappiamo; attendiamo di leggere le eventuali motivazioni. A noi piace pensare che il Ministro dell’interno abbia tenuto conto dell’esito delle elezioni amministrative che hanno dato un netto segnale di discontinuità con la precedente amministrazione. Insomma, ci piace pensare che il ministro abbia preso atto della volontà popolare dei cittadini barcellonesi di “sciogliere” con il voto democratico la precedente amministrazione. Ma questo è solo un nostro pensiero. Le carte parleranno più chiaramente, almeno lo speriamo.

Rimane la forte perplessità sulla sanzione comminata alle persone individuate come veicolo di infiltrazione mafiosa. Oggettivamente, 30 giorni di sospensione, nella pubblica amministrazione, si comminano per illeciti molto meno gravi di quelli riscontrati dalla commissione così come si evince dalla lettura dell’articolo di stampa.
Certamente, in attesa di leggere le carte ufficiali e di avere contezza delle motivazioni definitive, ci attendiamo dalla nuova amministrazione e dal Sindaco , prof.ssa Maria Teresa Collica, che , ricordiamo, è espressione del movimento Città Aperta di Barcellona Pozzo di Gotto, chiari e forti provvedimenti di censura nei confronti dei funzionari individuati dalla Commissione Prefettizia, di netta sfiducia del loro operato e, laddove non sia possibile la rimozione, di allontanamento dai precedenti incarichi. Crediamo che l’eventuale carenza di organico potrà essere recuperata tramite una seria e fattiva collaborazione fra amministrazione comunale e istituzioni governative.

Milazzo lì, 01/06/2012
Santo Laganà
Presidente dell’Associazione Antimafie Rita Atria
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.