17 luglio 2012

Genchi non diffamò Saladino

di Francesco Maria Toscano, da “Il Moralista” di lunedì 15 luglio 2002

Antonio Saladino

Ai tempi del processo “Why Not”, Antonio Saladino, uomo di punta della Compagnia delle Opere in Calabria, conobbe una probabilmente non richiesta notorietà. Individuato come elemento centrale di una inchiesta che non “s’aveva da fare”, Saladino finì sotto la luce abbagliante dei riflettori.

Memorabile la sua espressione di stupore immortalata dalle telecamere di Annozero durante una delle tante puntate dedicate al caso in oggetto. Tutta la stampa progressista, illuminista, disinteressata e garantista, ricorderete, fece a gara nel colpire un’inchiesta che toccava le sfere più alte del potere italiano.

Perfino il presidente della Repubblica Napolitano intervenne, tra un monito e l’altro, per richiedere gli atti alla Procura di Salerno che indagava su quella di Catanzaro ipotizzando violazioni circa la procedura di avocazione del fascicolo processuale “Why Not”.

Anche quel procedimento, in pochi lo ricordano, lambiva l’onnipresente figura di Nicola Mancinoche, riferiva la testimone Caterina Merante, si era incontrato con Antonio Saladino in più di una occasione (clicca per leggere).

Nicola Mancino e Giorgio Napolitano

Appena spunta il nome di Mancino, chissà come mai, sul Colle quirinalizio scatta in automatico un irrefrenabile desiderio di “coordinamento” volto, si capisce, a servire le ragioni della giustizia e a “garantire la massima trasparenza, celerità e professionalità al fine di impiegare le migliori intelligenze investigative del nostro Paese in maniera puntuale e coerente, evitando così inutili sovrapposizioni con conseguente rallentamento delle indagini”.

E’ così, non c’è dubbio, con buona pace dei cospirazionisti in servizio permanente che, anziché adorare il nostro Presidente come farebbe qualsiasi bravo eunuco alla corte di Bisanzio, si permettono perfino di fare domande e avanzare critiche.

Scandalo! Oltraggio! Abominio! Che la rabbia di Zeus, padre degli dei, possa ricadere su di voi facendo giustizia di cotanto ardire. Ma torniamo a noi.

Vi prego di rileggere i giornali dell’epoca, titolavano tutti allo stesso modo da destra a sinistra: “L’inchiesta è un flop”, “Il Teorema di de Magistris”, “Genchi ha spiato quasi 10 milioni di italiani” e via mistificando.

Quando poi i tribunali della Repubblica hanno condannato alcuni protagonisti di quelle inchieste, tipo Saladino o l’ex presidente della regione Calabria Loiero, silenzio di tomba.

Silvio Berlusconi

E’ la stampa bellezza! Saladino, poi, si è spinto oltre, querelando pure per diffamazione lo stesso Gioacchino Genchi a causa della pubblicazione del libro “Il Caso Genchi, storia di un uomo in balia dello Stato” (di Edoardo Montolli), volume illuminante circa il modo di intendere il potere in Italia.

Ebbene, il giudice di Milano Andrea Ghinetti ha archiviato il procedimento nato dall’esposto di Saladino contro Genchi perché infondato.

Genchi, ribattezzato “il più grande scandalo della Repubblica” da un Berlusconi non ancora de-minettizzato, si è semplicemente avvalso del suo sacrosanto diritto di critica.

Una notizia importante e confortante, specie in un periodo storico nel quale le voci critiche e non allineate vengono sempre più spesso indicate come bersaglio, tollerate a fatica e perlopiù invitate al silenzio complice, pavido e arrendevole.

Francesco Maria Toscano

fonte: “Il Moralista” di lunedì 15 luglio 2002

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.