3 luglio 2012

Sicilia, miseria e miliardi



Giuseppe Fava isiciliani.it luglio 2012

Ma la Sicilia è povera o ricca? Che c’entrano con la politica – e con la vita dei siciliani – le banche? Come vengono usati (e quando) i finan­ziamenti regionali? Una volta…

“Eccellenza presidente e illustrissimi signori della corte, gentili cittadini che ascoltate con tanta attenzione ed ai quali è giusto che anche mi rivol­ga, essendoché la giustizia si fa in nome del popolo, consentitemi un breve, illuminante apologo finanzia­rio.

Prendiamo una grande somma di denaro, poniamo seimila miliardi, cioè sei milioni di milioni, e mettia­mola a disposizione di un grande ente pubblico, per esempio la Regione si­ciliana, che ha responsabilità d’ammi­nistrare politicamente cinque milioni di persone. Seimila miliardi suddivisi in sei esercizi finanziari, consentono una disponibilità di spesa di mille mi­liardi l’anno.

Orbene, poiché il costo medio del lavoro per un operaio, un buon opera­io qualificato, è di circa quindici mi­lioni l’anno, si avrebbe la fantastica possibilità di garantire lavoro di alta dignità ed eccellente remunerazione a ben sessantaseimilacinquecentoses­santasei cittadini siciliani attualmente disoccupati, il lavoro dei quali, a sua volta, consentirebbe di costruire in Sicilia opere pubbliche fondamentali, la cui mancanza relega questa nobile regione al rango di terzo mondo colo­niale, cioè bacini idrici e dighe per l’irrigazione delle terre, nuove strade e autostrade, grandi ospedali moder­ni, impianti sportivi e turistici in ogni parte dell’isola, e tutto questo per sei anni consecutivi, trasforman­do prodi­giosamente il volto della re­gione e salvando dalla miseria, dalla emigra­zione e dalla dilagante voca­zione cri­minale gran parte di quei fra­telli sici­liani, la cui disperazione am­morba tragicamente la vita sociale [...]

Ebbene, nei sotterranei di alcune grandi banche siciliane, sono conge­lati ben seimila miliardi di residui passivi della Regione, cioè avanzi di bilancio e somme che la stessa Regio­ne, dice per mancanza di progetti, dice per errori e ritardi burocratici, non è riuscita a spendere.

E allora signori giudici, che avete fatto trascinare qui in catene codesto uomo, sol perché candidamente ac­cetta nei suoi piccoli forzieri privati denaro proveniente talvolta da crimi­ni, contrabbandi, sequestri, quale rea­to vorrete imputare alle grandi ban­che, e naturalmente ai governanti del­la Regione, per questa follia, questa demenza politica, questo incredibile crimine di sottrarre seimila miliardi al bisogno, alla fame, alla disperazione, alla infelicità, al dolore, al diritto umano… diritto, signor presidente, di­ritto perdio… di un’infinità di siciliani che, dal giusto impiego di quel dena­ro, potrebbero finalmente trovare sal­vezza per le loro vite… e lasciare in­vece che quelle montagne di denaro putrefacciano nei sotterranei delle banche… “

(da “Arringa in difesa di un cavalie­re mafioso”, ottobre 1983)
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.