20 settembre 2012

Trattativa Stato-Mafia: potrebbe essere sentito Rosario Pio Cattafi, capo dei capi della mafia barcellonese


di NUCCIO ANSELMO 19/09/2012

POTREBBE ESSERCI UN NUOVO ‘TESTE’ IMPORTANTE NELL’INCHIESTA PALERMITANA SULLA TRATTATIVA STATO-MAFIA, CHE POTREBBE FORNIRE UNA SERIE DI ELEMENTI PROBABILMENTE INEDITI E CLAMOROSI SU ALCUNI PASSAGGI ISTITUZIONALI E ‘COPERT’, CONSUMATI ANCHE ALL’INTERNO DELLE CARCERI ITALIANE NEGLI ANNI ’90. 

E SI TRATTA DELL’AVVOCATO BARCELLONESE ROSARIO PIO CATTAFI (NELLA FOTO), ARRESTATO DUE MESI FA NELL’AMBITO DELL’OPERAZIONE GOTHA 3, L’ENNESIMO COLPO ALLA FAMIGLIA BARCELLONESE DELLA DISTRETTUALE PELORITANA. CATTAFI DAL CANTO SUO HA SEMPRE RACCONTATO ANCHE DAVANTI AI MAGISTRATI DI ESSERE VITTIMA DI UNA VERA E PROPRIA MACCHINAZIONE PER AVERE RIFIUTATO DI FAR PARTE DI UN PROGETTO POLITICO CHE AVREBBE DOVUTO ‘RIVOLUZIONARE’ BARCELLONA POZZO DI GOTTO

L’AVVOCATO CATTAFI POTREBBE RACCONTARE UNA SERIE DI CIRCOSTANZE CHE LO AVREBBERO VISTO PROTAGONISTA IN PRIMA PERSONA NEI PRIMI ANNI ’90, ANCHE QUANDO ERA DETENUTO PER LA VICENDA DELL’AUTOPARCO DI MILANO. IN QUESTI GIORNI L’ATTIVITA’ DEGLI INVESTIGATORI PELORITANI E’ INCENTRATA ANCHE SU UN ALTRO FATTO, E PROPRIO IERI IN PROCURA SI SAREBBE TENUTO UN VERTICE INTERFORZE NELL’UFFICIO DEL PROCURATORE CAPO LO FORTE, AL PRIMO PIANO DI PALAZZO PIACENTINI. A QUANTO PARE SI STANNO SVOLGENDO ALCUNI ACCERTAMENTI INVESTIGATIVI SU UN ESPOSTO ANONIMO CHE NEL MESE DI GIUGNO E’ STATO INVIATO OLTRE CHE AD UNA SERIE DI PROCURE, TRA CUI QUELLE DI MESSINA E CALTANISSETTA, E AL PRURATORE NAZIONALE ANTIMAFIA PIERO GRASSO, ANCHE ALLO STESSO AVVOCATO CATTAFI, CHE DAL CANTO SUO QUALCHE GIORNO PRIMA DI ESSERE ARRESTATO NELL’AMBITO DELLA GOTHA 3, LO AVREBBE CONSEGNATO AL COMMISSARIATO DI POLIZIA DI BARCELLONA. IN QUESTO ESPOSTO CI SAREBBE UNA SERIE DI RIFERIMENTI PRECISI A FATTI DELLA NOSTRA STORIA ITALIANA PIU’ BUIA, PARTENDO ADDIRITTURA DAL GOLPE BORGHESE PER PASSARE ALLE STRAGI, ALLA LATITANZA DEL BOSS ETNEO NITTO SANTAPAOLA, AD ALCUNI MAGISTRATI ED INVESTIGATORI, MA ANCHE A DUE OMICIDI: QUELLO DI BEPPE ALFANO, IL CRONISTA TRUCIDATO DALLA MAFIA NEL GENNAIO DEL 1993 A BARCELLONA POZZO DI GOTTO, E DELL’INGEGNERE ANTONINO MAZZA, AMMAZZATO SEI MESI DOPO ALFANO, LA NOTTE DEL 30 LUGLIO 1993, POCO PRIMA DELLA MEZZANOTTE, NELLA SUA VILLETTA DI CONTRADA S. BIAGIO, A GIAMMORO (ME)

UN OMICIDIO MAI CHIARITO. MAZZA ERA IN QUEL PERIODO L’EDITORE DI TELENEWS, LA TV PRIVATA DOVE ALFANO TRASMETTEVA I SUOI SERVIZI GIORNALISTICI, E SPESSO I DUE COMPARIVONO ASSIEME IN VIDEO. NELL’ESPOSTO PERO’ CI SONO TANTI ALTRI PASSAGGI CHE RIGUARDONO ALTRI ARGOMENTI SPECIFICI SULLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA BARCELLONESE E ALCUNI AVVOCATI DIFENSORI, E ANCHE I NUOVI COLLABORATORI DI GIUSTIZIA. C’E’ ANCHE UN RIFERIMENTO PRECISO AL PROCURATORE AGGIUNTO DI PALERMO ANTONIO INGROIA, UNO DEI MAGISTRATI CHE STA CONDUCENDO L’INCHIESTA SULLA TRATTATIVA.  

 fonte: GAZZETTA DEL SUD DEL 19-09-12
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.