25 ottobre 2012

STATO-MAFIA – DEPOSITATI NUOVI ATTI, MANCINO CHIEDE STRALCIO: Nel nuovo materiale anche i verbali del dichiarante di Barcellona Pozzo di Gotto (Me) Rosario Pio Cattafi

24 ottobre 2012 (Mancino - Napolitano) 

Sette nuovi faldoni contenenti atti integrativi d’indagine sono stati depositati dalla Procura di Palermo nell’inchiesta sulla trattativa Stato-mafia. Intanto l’ex ministro dell’Interno Nicola Mancino chiede che la sua posizione sia stralciata e sia rimessa al Tribunale dei ministri. 

Gli atti ora depositati sono nuove acquisizioni testimoniali, fra cui quella di Luciano Violante, sentito il mese scorso, di altre audizioni di collaboratori di giustizia, come Francesco Di Carlo e Angelo Siino, e di altri atti gia’ acquisiti al processo Mori. Nel nuovo materiale anche i verbali del dichiarante di Barcellona Pozzo di Gotto (Me) Rosario Pio Cattafi.(41bis) (foto a sinistra)
Nicola Mancino, che nei mesi scorsi aveva chiesto la separazione della propria posizione processuale da quella dei mafiosi, ha intanto proposto al Gup Piergiorgio Morosini, che da lunedi’ trattera’ le posizioni dei 12 imputati, la trasmissione degli atti al tribunale dei ministri: Mancino sostiene infatti di essere accusato di un reato commesso nell’esercizio delle proprie funzioni. L’ex vicepresidente del Csm risponde di falsa testimonianza, che sarebbe stata commessa al processo Mori, il 25 febbraio scorso, e non di avere preso parte alla trattativa. 

fonte: (AGI)


'In atto un attacco concentrico al regime carcerario del 41 bis' 24 ottobre 2012. 

Gli attacchi al '41 bis' ormai in atto in modo concentrico, che vedeno coinvolte nell’invocarne a vario titolo l’annullamento, associazioni in difesa dei carcerati, giornalisti e sacerdoti che presiedono associazioni contro la mafia, ci fanno ormai temere il peggio. Nascondendosi dietro al dito di ciò che vorrebbe l’Europa, del recupero del reo e del pietismo spicciolo, si sta forse per buttare alle ortiche l’unico strumento che la mafia teme: l’isolamento in carcere, da dove non può più dare ordini di ogni genere, come condizionare il voto. L’impressione che abbiamo è che chiunque vincerà le prossime elezioni politiche non voglia nulla ad avere a che fare con il 41 bis, ovvero bisogna farla cadere ora questa roccaforte dell’antimafia, se possibile anche prima del 29 Ottobre 2012 per gli ovvi motivi che provengono dalla procura di Palermo. Vogliamo informare per chi ancora non lo avesse capito che noi siamo per il '41 bis' alla mafia stragista del 1993, che i passaggi da carcere duro a carcere normale di mafiosi del 15 Maggio 1993 e del 31 Ottobre 1993 li riteniamo torti subiti ovvero torture senza pari, e che non comprendiamo in nessun modo questa spinta avversa al regime detentivo speciale di '41 bis' messa in atto più che mai in tempi sospetti, quasi a temere che se il '41 bis' non dovesse cadere la mafia non darà i suoi voti a nessuno. 

Giovanna Maggiani Chelli Presidente Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.