3 gennaio 2013

Gianluca Manca: “Barcellona prenda le distanze dalla borghesia mafiosa”




di Claudio Porcasi 02 gennaio 2013 

Ad un mese esatto dall’omicidio del giovane ragazzo barcellonese un’altra persona è stata uccisa dalla mafia…Non ci sto…adesso tocca a noi protestare …vi prego di non far ripiombare Barcellona come città di mafia…io non voglio la mafia…ribelliamoci… è vergognoso…tragico…inaccettabile…inaudito…ignobile…!!! 

È questo il post su Facebook di Gianluca Manca, fratello di Attilio, il giovane urologo originario di Barcellona Pozzo di Gotto, morto suicida per la magistratura ma che secondo i familiari è stato invece eliminato, perché su richiesta della mafia di barcellonese all’équipe operò a Marsiglia il boss Provenzano, allora latitante. “Il post che io ho scritto è un grido che si rivolge alla Barcellona per bene”, spiega Manca. “Negli anni ‘80 abbiamo vissuto una terribile guerra di mafia. Non vorrei che si ripetesse”. Secondo Gianluca Manca “la popolazione della città del Messinese deve avere una presa di coscienza che si traduca non soltanto in manifestazioni di piazza ma isolando quella borghesia mafiosa che c’è in città. Un modo per ribellarsi sarebbe non fare acquisti in quei negozi che appartengono a queste persone”.

[fonte link]

leggi anche: 
NUOVA ESCALATION MAFIOSA A BARCELLONA POZZO DI GOTTO. SONIA ALFANO (PRESIDENTE COMM. ANTIMAFIA EUROPEA) CONVOCA VERTICE NEGLI UFFICI DELLA PROCURA BARCELLONESE
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.