27 luglio 2013

Muos, i cittadini contro Crocetta



di Antonio Mazzeo

Sicilia. Rivolta dopo il voltafaccia del Governatore, che replica duro: "Andate via voi!" 

“Ribadiremo in tutte le sedi che l’atto di ritiro della revoca delle autorizzazioni ai lavori del Muos è illegittimo”. Ad affermarlo gli avvocati Paola Ottaviano e Sebastiano Papandrea dei Comitati No Muos all’uscita del Consiglio di giustizia amministrativa di Palermo chiamato a decidere sul ricorso del Ministero della difesa contro la sospensione dell’installazione del terminale a Niscemi. Un contenzioso Stato-Regione siciliana divenuto inutile dopo l’inatteso dietrofront della giunta Crocetta che il 24 luglio ha revocato la revoca al Muos firmata a fine marzo. “È singolare – affermano Ottaviano e Papandrea - che un funzionario regionale possa dichiarare decaduto il principio di precauzione per la tutela della salute dei cittadini, ritenuto preminente sopra ogni altro aspetto dal Tar che, il 9 luglio, ha confermato la legittimità dello stop alla costruzione del sistema di guerra”. Davanti al giudice amministrativo, i legali No Muos e di Legambiente hanno poi denunciato che l’autorizzazione paesaggistica è scaduta il 18 giugno scorso. “La Marina statunitense non potrà riprendere i lavori all’interno della riserva naturale di Niscemi e sarà necessario avviare un nuovo iter autorizzativo. Un’eventuale prosecuzione delle opere sarebbe del tutto abusiva”. 

Intanto centinaia di attivisti hanno manifestato di fronte la sede della Regione per chiedere le dimissioni del presidente Crocetta e della giunta regionale. “Hanno tradito i siciliani, delegittimando gli esperti che loro stessi avevano nominato e che contrariamente all’Istituto Superiore di Sanità, organizzazione governativa, hanno documentato l’insostenibilità ambientale dell’impianto satellitare e i pericoli per il traffico aereo”, ha dichiarato Nadia Furnari

Tra i manifestanti pure una delegazione delle Mamme No Muos di Niscemi e Caltagirone. Nel pomeriggio una delegazione di niscemesi guidata dal sindaco Francesco La Rosa è stata ricevuta da Crocetta e dall’assessore all’ambiente Lo Bello. “E’ stato un incontro surreale”, racconta Concetta Gualato, portavoce delle Mamme di Niscemi. “Lo Bello si è detta convinta che il Muos non comporterà rischi per gli abitanti. 

Quando abbiamo contestato che la relazione dell’ISS era stata purgata dei rilievi del prof. Zucchetti del Politecnico di Torino, ci ha detto che gli esperti della Regione erano di parte mentre l’ISS è il massimo organo competente in materia”. Meno diplomatico Crocetta. “Si è infuriato perché non comprendevamo che ha evitato che i siciliani pagassero agli Usa risarcimenti per 18 milioni di euro per il blocco dei cantieri”, ha aggiunto Gualato. “Il presidente ha detto al sindaco che denunciasse lui la Marina Usa nel caso in cui l’ARPA, agenzia regionale, dovesse segnalare il superamento dei limiti di legge delle emissioni elettromagnetiche. A me, che in lacrime spiegavo che con il Muos ci costringevano ad andare via da Niscemi, ha urlato Se ne vada via allora!”. 

Dalla notte scorsa gli attivisti No MUOS occupano l’aula consiliare del Comune di Niscemi. L’occupazione è stata intrapresa a conclusione di un consiglio comunale straordinario in cui erano state richieste inutilmente le dimissioni della giunta e dei consiglieri come atto di protesta con i governi nazionale e regionale. “Le dimissioni sarebbero state un segnale di coerenza verso le lotte contro l’ecomostro Usa”, commenta Fabio d’Alessandro del Presidio di Niscemi. “Continueremo ad oltranza l’occupazione, facendo appello ai territori, alle associazioni e a tutti i siciliani perché quest’estate si uniscano a noi per impedire la ripresa dei lavori”. Cinque consiglieri comunali eletti con il Pd e il Megafono minacciano comunque di abbandonare il partito ed il movimento di Crocetta. “Siamo sgomenti per una scelta che disconosce i nostri diritti”, spiega il capogruppo dei democratici Gianluca Cutrona. Il Pd regionale continua a mantenere invece un imbarazzato silenzio. Solo l’on. Fabrizio Ferrandelli, segretario della commissione ambiente dell’Ars, ha definito “grave” l’atto del governo regionale. “Se il Pd non vuole essere censurato dai siciliani censuri Crocetta e chieda un confronto urgente in Aula”, ha aggiunto. Sul piede di guerra il Movimento 5 Stelle. “Quella dell’Assessorato all’Ambiente è una decisone scellerata e irrispettosa del pronunciamento del Tar”, commenta l’on. Francesco Cappello. “Crocetta deve tornare indietro sui suoi passi. Il Muos non è una questione privata del suo governo con il Ministero della difesa, ma riguarda tutti. In caso contrario ne tragga le debite conseguenze”. Di “tradimento ai danni della Sicilia” parla il deputato di Sel Erasmo Palazzotto. “La vicenda del Muos ci deve interrogare sul ruolo futuro dell’Isola e sullo sviluppo della nostra economia in relazione ai paesi mediterranei. Crocetta invece regala la Sicilia a quanti vogliono trasformarla in una portaerei protesa nel Mediterraneo”. Per il Prc la “contrapposizione” al governo nazionale agitata da Crocetta si è dimostrata alla fine solo una farsa. “La lotta al Muos non finisce certo qui”, scrive Luca Cangemi. “Lo straordinario movimento che si è manifestato in questi anni saprà reagire con forza, imponendo la revoca dal basso delle autorizzazioni illegittime concesse ai militari Usa dalle giunte Lombardo e Crocetta”. 

Articolo pubblicato in Il Manifesto del 26 luglio 2013. [fonte link]
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.