5 novembre 2013

MILAZZO. Due milazzesi nell'organizzazione mafiosa americana

Riceviamo e pubblichiamo in merito alla presenza nella cittadina di Milazzo di soggetti appartenenti alla mafia siculo-americana i quali avrebbero delle cointeressenze con la mafia barcellonese e/o milazzese per il tramite del pregiudicato Antonio Tricamo. Sia il pregiudicato Antonio Tricamo che il Lorenzo Devardo sono originari di Milazzo e hanno consolidati rapporti con esponenti della criminalità organizzata sia in Sicilia che negli USA. 

Nell'operazione "Paesan Blues", portata a termine dalla Squadra mobile di Palermo e dall'Fbi sul riciclaggio dei proventi del traffico di droga a Palermo finiti in investimenti immobiliari a New York e Miami, è stato arrestato Antonio Tricamo 37 anni, fratello del noto Giuseppe, il quale figura tra gli arrestati di Miami. Il Tricamo è stato accusato di essere il braccio destro operativo dell'indagato principale, il palermitano Roberto Settineri, rappresentante di vini italiani negli Stati Uniti, e considerato uno dei personaggi principali dell'operazione "Paesan blues", anello di congiunzione tra la famiglia mafiosa palermitana di Santa Maria di Gesù e le cosche d'oltreoceano. Il milazzese si era trasferito a Miami dopo aver ottenuto la scarcerazione avvenuta grazie agli effetti dell'indulto nell'agosto del 2006. Da allora il giovane non aveva più fatto ritorno in Sicilia. Tricamo era stato arrestato e condannato con sentenza definitiva per una vicenda di spaccio di droga avvenuta a Panarea e nella quale figurava come vittima un cameriere di Milazzo all'epoca in servizio in un locale dell'isola.
Antonio Tricamo
Quando al sentenza divenne definitiva il milazzese - per evitare clamori mediatici - si costituì presentandosi direttamente in un carcere di una regione del centro Italia tanto che la notizia del suo arresto non apparve mai sui giornali. “Inoltre, sui flussi relativi a investimenti finanziari e riciclaggio di denaro di organizzazioni criminali di Stati Uniti e Italia da parte di clan operanti in USA e in Italia, l’FBI ha riferito alla Commissione che i gruppi italiani usano «facciate» commerciali legittime, di solito pizzerie, per nascondere attività criminose e i proventi del riciclaggio e di tali attività attraverso i conti bancari legati alle suddette attività commerciali. Circa eventuali attività criminali condotte dai membri di queste famiglie operanti nell’operazione già denominata Pizza connection, la divisione di New York ha avviato un progetto per rintracciare lo status degli imputati di Pizza Connection dei quali fa parte tale Lorenzo Devardo, originario di Milazzo, che il 9 aprile 1984 fu arrestato dall’FBI di New York per importazione e distribuzione di sostanze stupefacenti. Fu condannato a 4 anni il 24 luglio 1987. Il 7 agosto 2001 e` stato arrestato dagli U.S. Marshals su un mandato di arresto provvisorio italiano per contrabbando di eroina. Infine, arrestato dal BICE l’11 giugno 2003 per violazione della legge sull’immigrazione. E`stato scarcerato il 10 agosto 2001. Una ricerca presso il BICE indica che questo soggetto e` legalmente residente negli Stati Uniti come residente permanente e può vivere e lavorare negli Stati Uniti”
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.