17 gennaio 2014

LA DIA CONFISCA BENI A FILIPPO BARRESI. E' SEQUESTRO PER SAM DI SALVO

Sam Di Salvo
Beni riconducibili ai boss Salvatore Di Salvo, detto "Sam l'americano", e a Filippo Barresi, entrambi ritenuti esponenti di spicco del clan di Barcellona, sono stati sequestrati ( a Di Salvo) e confiscati ( a Barresi) dalla Dia, a conclusione di indagini coordinate dal procuratore capo di Messina Guido Lo Forte e dai sostituti della DDA, Vito Di Giorgio e Angelo Cavallo. Il patrimonio ha un valore stimato di due milioni e mezzo di euro. In particolare, a Salvatore "Sam" Di Salvo sono stati sequestrati quote societarie e beni aziendali della "Pct costruzioni srl", una ditta di abbigliamento, 4 auto e un rimorchio, una polizza assicurativa, conti correnti e titoli per un valore complessivo di 500 mila euro. Di Salvo e' stato coinvolto in diverse inchieste per mafia, tra cui il maxiprocesso "Mare nostrum", ed e' stato indagato anche per aver aiutato nella latitanza il boss Benedetto Santapaola e piu' di recente e' stato coinvolto nell'operazione "Gotha". Per Filippo Barresi il provvedimento e' invece di confisca e riguarda il capitale dell'impresa vivaistica "Lo Monaco Nunziata", e il 25% del capitale sociale della "Saloon sas di Cuce' Vera & C.", societa' che gestisce bar, paninerie, ristoranti e pizzerie, 8 terreni agricoli e 2 fabbricati a Barcellona Pozzo di Gotto e Castroreale, 2 moto, un'auto e un autocarro, conti correnti, per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro.

Filippo Barresi
La Direzione Investigativa Antimafia di Messina, nel contesto di due distinti provvedimenti emessi dal Tribunale locale, ha sottoposto a sequestro e confisca beni per un valore complessivo di 2,5 milioni di euro riconducibili a due esponenti di spicco del clan dei “barcellonesi” che opera nella fascia tirrenica della provincia. Le misure di prevenzione patrimoniale scaturiscono da accertamenti condotti dalla Dia di Messina, sotto la direzione ed il coordinamento del Procuratore Guido Lo Forte e dei sostituti procuratori della Dda, Vito di Giorgio e Angelo Cavallo. Il provvedimento della Dia riguarda Salvatore Di Salvo e Filippo Barresi entrambi esponenti di spicco del clan mafioso di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), già coinvolti in numerose indagini e condannati. A Barresi e’ stata confiscata l’impresa vivaistica “Lo monaco Nunziata “, una quota di diritto di azioni di 2.500 euro pari al 25% del capitale sociale, detenute da Barresi Maria della “Saloons a sa.s. di Cuce’ Vera & C, 8 terreni agricoli, 2 fabbricati, 2 motocicli, tre autovetture e un autocarro, conti correnti, titoli e altre forme di investimento finanziario, per un valore complessivo stimato in circa 2 milioni di euro. A Salvatore Di Salvo, detto “Sam l’americano”, sono state sequestrate quote societarie e compendio aziendale della “P.C.T. Costruzioni S.r.l., della unipersonale”, società attiva nel settore dell’abbigliamento, con sede in Barcellona P.G. (ME); 4 autovetture ed un rimorchio; 1 polizza assicurativa; conti correnti titoli e altre forme di investimento finanziario,per un valore complessivo stimato in circa 500 milioni di euro. (ANSA)

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.