30 luglio 2014

Mafia, il boss D’Amico fa luce su 45 omicidi. Tra racket delle estorsioni e la gestione di discoteche e locali di intrattenimento sparsi da Milazzo a Capo d’Orlando



30/07/2014 

Le nuove clamorose rivelazioni del collaboratore di giustizia. Ad alcune spedizioni punitive avrebbe partecipato personalmente, altre le avrebbe organizzate 

Sarebbero 45 gli omicidi di cui ha parlato il boss Carmelo D’Amico, molti dei quali vissuti in prima persona. Il pentimento del capo del braccio armato della famiglia mafiosa dei “Barcellonesi” che agli inizi degli anni 90 è riuscito a costituire un gruppo di fuoco che successivamente ha rappresentato un temibile esercito del terrore, apre una pagina di orrori che troppo in fretta è stata rimossa dalla memoria collettiva per far spazio alle celebrazioni della “mafia degli altri”, quella degli omicidi eccellenti eseguiti a Palermo lontano dall’orrori che hanno invece interessato la Città del Longano. 

Carmelo D’Amico che grazie al fragore delle armi che hanno causato i più efferati delitti è riuscito a controllare il racket delle estorsioni e la gestione di discoteche e locali di intrattenimento sparsi da Milazzo a Capo d’Orlando, sta vuotando il sacco attribuendosi, così pare, in alcuni casi sparizioni con il sistema della lupara bianca ed omicidi che prima e dopo il delitto del giornalista Beppe Alfano, il cui sacrificio ha rappresentato uno spartiacque nella lotta alla mafia, hanno insanguinato le strade di Barcellona e dei paesi dell’hinterland. 

Tra i 45 omicidi di cui racconta D’Amico si chiamano in causa anche numerosi componenti del gruppo di fuoco oltre ai mandanti della cupola mafiosa, ai quattro casi di lupara bianca per i quali continua la campagna di scavi tra le contrade di Barcellona e lungo il torrente Patrì; e c’è anche l’uccisione di tre giovani di Barcellona fatti sparire a Belpasso in provincia di Catania.

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.