20 settembre 2014

CASO ATTILIO MANCA: NUOVE RIVELAZIONI DEL BOSS DEI CASALESI GIUSEPPE SETOLA POTREBBERO FAR RIAPRIRE IL CASO

Giuseppe Setola
“La notizia che aspettavo da 10 anni! Il boss Setola parla del medico messinese che curò Provenzano!” queste le prime dichiarazioni di Angela Manca, la madre di Attilio, mentre cominciava a ricevere attestazioni di speranza attraverso i social network, dei moltissimi che in questi lunghi anni hanno accompagnato la famiglia nella battaglia per chiedere giustizia sulla morte del giovane e brillante urologo, non riconosciuto ufficialmente come una vittima di mafia, nonostante le tante evidenze emerse nel corso degli anni (fino alla terribile pubblicazione delle foto del cadavere che dimostrano come nulla fa pensare alla tesi “processuale” dell’overdose). 

Le dichiarazioni del killer dei Casalesi Giuseppe Setola potrebbero infatti portare alla riapertura delle indagini sulla morte dell’urolAttilio Manca, medico di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) trovato morto in circostanze misteriose, nella sua casa di Viterbo nel 2004, con una siringa di eroina nel braccio. Ad agosto 2013 il gip di Viterbo aveva disposto l’archiviazione dell’indagine aperta a carico di cinque persone di Barcellona Pozzo di Gotto, dando credito alla tesi del suicidio che è sempre stata respinta dai familiari. 
ogo

Attilio Manca
La famiglia Manca sostiene infatti che la mafia barcellonese, nel 2003, avrebbe costretto Manca ad operare alla prostata il boss Bernardo Provenzano in una clinica di Marsiglia, ma a seguito dell’intervento l’avrebbe ucciso per eliminare un testimone s
comodo. “Se Attilio muore per droga non si comprende come abbia potuto utilizzare le due siringhe che sono state recuperate nella sua abitazione, dove non sono state trovate impronte né di Attilio né di terzi. – scoperte entrambe con il tappo salva aghi inserito – È una grave incongruenza”: aveva dichiarato Gianluca Manca, fratello di Attilio.

Setola, che ha fatto importanti rivelazioni, nei mesi scorsi aveva chiesto di essere sentito dai pm di Palermo Roberto Tartaglia e Nino Di Matteo. La sua deposizione sembra avallare la ipotesi dei familiari del medico. 

Il boss casalese avrebbe appreso particolari riferiti alla vicenda mentre era detenuto. Le sue dichiarazioni sono state trasmesse alla Dda di Roma e continua a indagare la Procura di Palermo, che sta facendo degli accertamenti in merito alla latitanza di Provenzano. 

Anche le dichiarazioni del boss Francesco Pastoia, intercettate e rese pubbliche nel gennaio 2005, – ma mai però confermate da ulteriori riscontri – confermerebbero il coinvolgimento di Provenzano nell’omicidio Manca. Il capomafia affermava infatti che Provenzano sarebbe stato curato da un urologo siciliano nello stesso periodo (autunno 2003) nel quale Attilio disse alla famiglia di doversi recare in Francia per lavoro (il 28 gennaio Pastoia venne poi trovato impiccato nella sua cella, ndr). Con l’archiviazione dell’inchiesta sono stati scagionati i cinque siciliani di Barcellona Pozzo di Gotto finiti nel registro degli indagati, ma ci sono numerose lacune che ancora persistono.
NINO DI MATTEO: UN "SUICIDIO" DI MAFIA
VIDEO: Nino Di Matteo. Un “suicidio” di mafia... di malgradotuttoblog


Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.