26 settembre 2014

Mafia: Mori; pg Patronaggio, zone d'ombra e strategie eversive

Mario Mori
26 settembre 2014 Palermo. 

Esisterebbero parecchie zone d'ombra nell'atteggiamento degli apparati investigativi del Ros e del generale Mario Mori, nello specifico per quanto riguarda le vicende eversive culminate con stragi e attentati e nei rapporti tra mafia, massoneria e servi segreti deviati. E’ quanto ha dichiarato, nella seconda parte dell'intervento dell'accusa, il sostituto pg Luigi Patronaggio

"Il generale Mori, pur essendo venuto a conoscenza da fonti qualificate, di taluni aspetti di tale complessa strategia della tensione - ha detto Patronaggio - non solo non ha svolto alcuna attività investigativa ma non si è neppure attivato per allertare le istituzioni come fecero lo Sco e la Dia". 

Per dimostrare le nuove tesi di accusa, il procuratore generale ha chiesto la citazione di numerosi testi e vari collaboratori di giustizia tra i quali Gaspare Spatuzza, Sergio Flamia, Antonino Giuffré, Stefano Lo Verso e Maurizio Avola. L'accusa ha inoltre chiesto l'acquisizione di documenti e testimonianze sul cosiddetto "protocollo Farfalla": un patto tra servizi e Dap per l'uso riservato di informazioni sui boss detenuti che avrebbe escluso il controllo della magistratura. Il processo è stato rinviato dal presidente Salvatore Di Vitale al 27 ottobre. 

ANSA
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.