13 novembre 2014

Sequestro Moro e trattative Stato-mafia/ Di Carlo: «Quando i servizi segreti ringraziarono il “papa” Michele Greco»

Steve Pieczenik
13 NOVEMBRE 2014 di roberto galullo

E’ di ieri la notizia che il procuratore generale di Roma, Luigi Ciampoli, ha chiesto alla Procura di procedere formalmente a carico di Steve Pieczenik, funzionario del Dipartimento di Stato Usa ai tempi del sequestro di Aldo Moro, il politico assassinato dalle Br il 9 maggio 1978. 

Un lancio Ansa delle 14.26 spiega che nei confronti dell’americano Steve Pieczenik, vi sono «gravi indizi circa un suo concorso nell’omicidio dello statista democristiano». Le presunte responsabilità di Pieczenik presenza di agenti dei servizi segreti, a bordo di una moto, in via Fani, a Roma, quando Moro fu rapito dalle Brigate Rosse. Il pg ha quindi disposto la trasmissione della richiesta di archiviazione – un documento di 100 pagine – al procuratore della Repubblica di Roma «perché proceda nei confronti di Steve Pieczenik in ordine al reato di concorso nell’omicidio di Aldo Moro, commesso in Roma il 9 maggio 1978». 
vengono messe in luce dal procuratore generale Ciampoli nella richiesta di archiviazione, inoltrata ieri al gip del tribunale di Roma, dell’inchiesta sulle rivelazioni dell’ex ispettore di polizia Enrico Rossi che aveva ipotizzato la

La figura dell’esperto Usa – consulente dell’allora ministro dell’Interno Francesco Cossiga nel comitato di crisi istituto il 16 marzo 1978, giorno del rapimento di Moro e dell’uccisione degli uomini della scorta – è da molto tempo, e da molti, considerata centrale nella vicenda del sequestro e dell’omicidio del presidente della Dc. La procura generale di Roma sottolinea che «sono emersi indizi gravi circa un suo concorso nell’omicidio, fatto apparire, per atti concludenti, integranti ipotesi di istigazione, lo sbocco necessario e ineludibile, per le Br, dell’operazione militare attuata in via Fani, il 16 marzo 1978, ovvero, comunque, di rafforzamento del proposito criminoso, se già maturato dalle stesse Br». 

Secondo Luigi Ciampoli, anche un ufficiale del Sismi, il servizio segreto militare dell’epoca, il colonnello Camillo Guglielmi, avrebbe dovuto essere indagato con l’accusa più grave di concorso nel rapimento di Moro e nell’uccisione della sua scorta. Nei suo confronti, rileva il Pg, non si può promuovere l’azione penale perché è morto. Guglielmi era finito nelle inchieste sulla strage perché non aveva dato spiegazioni ritenute plausibili dai magistrati sulla presenza in via Fani al momento in cui scattò l’agguato delle Brigate rosse

Del rapimento di Aldo Moro, nel passato, parlarono (e a profusione) anche due pentiti di ‘ndrangheta: Francesco Fonti e Saverio Morabito. Francesco Fonti, nato a Bovalino il 22 febbraio 1948 e morto il 5 dicembre 2012, era un uomo legatissimo alle cosche Romeo e Nirta. Nel 1994 divenne collaboratore di giustizia (seppur tra mille avventure). Nel 2003 consegnò all’allora sostituto procuratore nazionale antimafia Enzo Macrì un memoriale di 49 pagine. Nel 2009 pubblicò il libro “Io Francesco Fonti pentito di ‘Ndrangheta e la mia nave dei veleni, Falco editore”, all’interno del quale un lungo capitolo era proprio dedicato a quel rapimento e al ruolo della ‘ndrangheta. 

Tra coloro che ne parlano c’è anche Francesco Di Carlo, pentito di mafia di Altofonte del quale, da giorni, vi sto parlando attraverso le sue dichiarazioni nelle audizioni del processo sulla trattativa Stato-mafia che sta conducendo il pool palermitano (Vittorio Teresi, Nino Di Matteo, Francesco Del Bene e Roberto Tartaglia).  

PENSACI TU 
Francesco Di Carlo
Michele Greco
Nella sua deposizione del 27 febbraio 2014, Di Carlo parla del sequestro Moro sollecitato dal legale del Centro studi e iniziative Pio La Torre, l’avvocato Ettore Barcellona, che ricorda come Di Carlo accennò, in altro procedimento penale, a una riunione della Commissione provinciale sul caso Moro. Di Carlo risponde senza problemi: «Mi ricordo che c’è stato subito un movimento per vedere se potevano fare qualcosa, se ai politici ci interessava. Tutto questo nell’interesse che poi uno li cerca… Che poi se uno fa… Cosa Nostra non fa niente per niente. Una volta che si interessavano, gli avrebbero risolto il problema, poi li avrebbero cercato per tantissime cose. Che già si cercavano, quando era possibile, se noi vediamo nel passato cosa era i processi, se arrivano in Cassazione, se ci arrivavano o meno. E per Moro mi ricordo che sono stati chiamati…A quei tempi c’era Gioia, Lima e qualche altro. Avevamo pure noi il senatore …omissis… che faceva parte della famiglia di Bontate, democristiani tutti, per fare sapere a Roma se avevano bisogno di intervenire per fare liberare Moro. Michele Greco a me personale, perché non lo poteva dire, mi aveva fattPeppino Santovito, che già dirigeva i servizi a Roma, per vedere se aveva bisogno. I politici avevano fatto sapere che a Roma non ci interessava, perché si voleva fare tramite le Brigate Rosse una pressione dentro il carcere. Ma quando io parlo con il generale Santovito, mi dice: la cosa è più complicata, è un’altra situazione, mi ringrazi a Michele Greco e a tutti. È un’altra cosa, poi un giorno ti spiegherò. Questi i risultati, l’interessamento». o parlare con Peppino, Insomma, per come racconta Di Carlo, lo Stato fece a meno anche dell’aiuto di Cosa nostra (come del resto fece con la ‘ndrangheta per come la raccontano i due pentiti calabresi) per salvare Aldo Moro. Solleva l’anima e il cor sapere che non lo fece bruscamente ma con educazione. Ringraziando Michele Greco, detto il “papa” di Cosa nostra. [fonte]

Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.