13 maggio 2015

Assenteismo al comune di Milazzo, indagati una decina di impiegati


12 maggio 2015 

Indagine sull’assenteismo al Comune di Milazzo. La procura di Barcellona ha notificato in queste ore avvisi di proroga indagini a una decina di impiegati comunali, tra cui diversi funzionari, a cui vengono contestati a vario titolo i reati di truffa aggravata e falso ideologico. 

In sostanza o si sarebbero assentati dal posto di lavoro o “coperto” colleghi che ufficialmente risultavano al municipio ma che in realtà non sarebbero stati presenti a Palazzo dell’Aquila. Si tratterebbe, tuttavia, di una prima fase di una indagine ancora aperta che coinvolgerebbe i casi più eclatanti e reiterati. Nei prossimi mesi dovrebbe arrivare una seconda tornata di provvedimenti giudiziaria a carico di un centinaio di impiegati del comune di Milazzo. 


La loro posizione sta per essere vagliata analizzando quaranta giorni di riprese effettuate da cinque telecamere nascoste dalla compagnia della Guardia di Finanza guidata dal capitano Michele Milazzo. Le stesse fiamme gialle mamertine sono in possesso di tabulati sulle presenze nel periodo settembre – dicembre 2014 con cui fare controlli incrociati. Le indagini sono supervisionate dal Pm Massara della procura di Barcellona.
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.