6 settembre 2015

Dalla Fiat a Campari. Quanti sponsor per il presidente Dell'Utri


Pubblicità di peso sulla rivista della Fondazione Biblioteca. A guidarla l'ex senatore, in carcere per associazione mafiosa 

5 settembre 2015 di Davide Milosa 

L'ex senatore di Forza Italia Marcello Dell'Utri si trova nel carcere di Parma dal 13 giugno 2014, Condanna definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa. Sette anni la pena da espiare. Per i giudici della Cassazione sono provati i rapporti con Cosa Nostra. Nonostante questo il suo nome oggi compare sotto la carica di presidente della Biblioteca di via Fondazione Senato 14 a Milano. 
Indirizzo storico, noto, ad esempio all'imprenditore messinese Natale Sartori già legato attraverso diverse cooperative con le figlie di Vittorio Mangano l'ex fattore di Arcore. 

Fedele Confalonieri
DI PIU': la rivista mensile pubblicata dalla stessa Fondazione a pagina quattro dell'edizione del giugno scorso riporta un ricchissimo elenco di importanti aziende alle quali viene rivolto un ringraziamento per il sostegno nella comunicazione. Su tutte la Fiat. Casa Agnelli compare nel mensile della Fondazione, presieduta da un condannato per mafia, con il  marchio Fca Bank, la società nata sulle ceneri della storica finanziaria Sava, da sempre impegnata nel concedere prestiti a chi vuole acquistare un auto. 
BERLUSCONI - TOGNOLI
Ma non solo: un'intera pagina della rivista è stata acquistata dal gruppo di Torino per pubblicizzare "la 500x, il nuovo crossover italiano. 

Oltre alla Fiat la Fondazione di Dell'Utri ringrazia il marchio di orologi Breil, noto per lo slogan pubblicitario "toglietemi tutto ma non il mio Breil". La Breil gestita dal gruppo milanese Binda. Campari e la Riso Scotti, colosso agroalimentare pavese che nel 2011 fu coinvolto in un' inchiesta dell'antimafia milanese su un presunto traffico di illecito di rifiuti collegato alla Riso Scotti Energia. 

Non manca la telefonia mobile con marchio Tre, oltre all'università ma fondata dall'imprenditore Nicolò Cusano con sede a Roma, fondata dall'imprendotore livornese Stefano Bandecchi già iscritto al Movimento sociale italiano nonchè grande elettore di Gianni Alemanno sindaco della Fondazione, Capitale.
Ennio Doris

Tutte queste aziende, a partire dalla Fiat, ieri sono state sentite dal Fatto. Domanda semplice : non vi pare quantomeno inopportuno mettere il proprio nome sulla rivista di un presidente condannato per mafia? Un quesito al quale però nessuno (da Fiat al gruppo Binda, dalla Campari a  Tre), nonostante le promesse ha voluto o potuto rispondere. 
Si sa, il venerdì pomeriggio di fine estate è giornata critica. Uffici deserti e telefoni che suonano a vuoto. 

Giuliano Andreani
CHI, INVECE, ha risposto è stato l'ex sindaco di Milano Carlo Tognoli, che solo due giorni fa ha partecipato alle commemorazioni milanesi in ricordo dell'omicidio (dimafia) del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Il nome di Tognoli compare nel consiglio di amministrazione della fondazione. "Vi entrai spiega quando nacque la fondazione". Era il 1997. All'epoca nulla si sapeva dei guai giudiziari di Marcello Dell'Utri, ma certo se già all'epoca si fosse saputo dei suoi rapporti con Cosa nostra non sarei mai entrato nel Cda". 

Tognoli parla veloce al telefono. "Devo andare alla festa de l'Unità". 

Un'altra domanda: come mai Dell'Utri, nonostante la condanna, è ancora presidente della Fondazione? "Come membri del Cda non siamo stati interpellati, il consiglio non si riunisce da due anni". 

Fine della telefonata. Mezz'ora dopo Tognoli richiama: "Buonasera, mi scusi, sarò telegrafico: lunedì prossimo comunicherò le mie dimissioni dalla Fondazione, la saluto". 

Fulvio Pravadelli

Cosa faranno gli altri membri del Cda è difficile dirlo, visto che Fedele Confalonieri e Ennio Doris sono amici da sempre dell'ex senatore, mentre Fulvio Pravadelli (indagato per fatture false) e Giuliano Andreani sono presidente e vice-presidente di Publitalia, la società della Fininvest di cui Dell'Utri fu grande animatore assieme a Silvio Berlusconi.

Il Fatto Quotidiano


Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.